La decana degli studi non ha dubbi «Quella Maddalena è del Caravaggio»

La decana degli studi non ha dubbi
«Quella Maddalena è del Caravaggio»

Trovare un nuovo dipinto di Caravaggio non è una cosa comune, è come avvistare un nuovo pianeta. L’impresa è toccata alla decana degli studi sul Merisi, la cremonese Mina Gregori.

La Professoressa, o come la chiamano gli amici la Signorina, è sempre molto disponibile, anche qundo la si chiama per verificare qualche dato sulla notizia di cronaca che ha messo in fibrillazione i quotidiani in questi giorni.

«Quando ho visto il dipinto per la prima volta ho avuto la sicurezza di essere di fronte a un originale di Caravaggio. Come si sa esistono numerose versioni della Maddalena in estasi, tutte generalmente credute copie da un originale perduto. In materia caravaggesca non è un caso isolato quello di presumere dell’esistenza di un modello di Caravaggio partendo da una serie di derivazioni».

Il celebre autoritratto del Caravaggio

Il celebre autoritratto del Caravaggio

Il ritrovamento è straordinario per più di un motivo e l’attribuzione a Caravaggio risulterebbe confermata dall’esistenza di un foglio che reca un’iscrizione da collegare alla storia del dipinto. Ma come ha trovato il cartellino? «Semplicemente girando la tela».

Leggi di più su L’Eco di Bergamo del 26 ottobre


© RIPRODUZIONE RISERVATA