Sabato 12 Ottobre 2013

«Noi, Zagor» sbarca al cinema
Una serata con premi a Bergamo

In collaborazione con l'Associazione Culturale Bergomix, e dopo il successo dei passati eventi (The Avengers, Il Cavaliere oscuro, GI Joe, Iron Man 3, Spider Man, L'uomo d'acciaio, Wolverine, I Puffi 2), nuovo appuntamento cinefumettistico. Martedì 22 ottobre, in occasione dell'uscita del film-documentario «Noi, Zagor» (nelle sale italiane il 22 e il 23 ottobre), è stata organizzata una serata al Cineteatro Del Borgo (Via Borgo Palazzo 51, Bergamo).

Il film si articola attraverso le parole di autori, sceneggiatori, disegnatori, critici, fan e lettori per ripercorre la storia di Zagor. Dal 1961 - quando Sergio Bonelli e Gallieno Ferri pieni di idee ed entusiasmo iniziano a dare vita al personaggio - fino ad arrivare ai giorni nostri. Un presente che sotto la lente attenta del curatore Moreno Burattini vede ancora Zagor, come un grande protagonista della foresta di Darkwood, teatro principale delle sue avventure. Di Zagor, in questo film-documento, si raccontano le suggestioni e le influenze che innescano il suo processo creativo, i meccanismi che fanno nascere la complicità con i suoi lettori, i tratti che lo rendono universale, eroe epico o più semplicemente un compagno d'avventure. Si entra nella fabbrica di Zagor, nelle case di disegnatori e scrittori, nella redazione della Bonelli, dove impegno, accuratezza e passione sono gli elementi alla base del successo di ogni singolo albo.

A partire dalle 20.30 sarà possibile visitare un'imperdibile mostra dedicata al fumetto di Zagor, creato da Guido Nolitta (Sergio Bonelli) ed incontrare dal vivo gli autori della serie, Moreno Buratiini, Mirko Perniola ed Emanuele Barison.

Ma non è tutto. Se si riserva il posto in sala, nelle modalità sotto elencate, oltre ad aver assicurato un omaggio bonelliano (gli introvabili numeri zero di Dragonero e Orfani - fino ad esaurimento scorte), è possibile partecipare all'estrazione di alcuni premi. Le estrazioni verranno eseguite il giorno prima della proiezione e saranno comunicate in tempo reale sul sito web www.bergomix.com, sull'evento/pagina Facebook targati Bergomix e via mail.

La serata è gratuita mentre per la visione della pellicola (ore 21.30) è previsto l'acquisto del biglietto (euro 7 intero – euro 6 ridotto).

REGOLAMENTO PER GLI ACCREDITI
1) Per assistere alla proiezione, inviare richiesta all'indirizzo email: [email protected]
2) Nella richiesta indicare: nome, cognome e recapito telefonico del partecipante che ritirerà il biglietto (o i biglietti) alle casse.
3) I posti verranno riservati in base all'ordine cronologico di ricezione delle email, fino alla capienza massima della sala.
4) Le prenotazioni saranno attive a partire da lunedì 14 ore 8 e dovranno pervenire entro, e non oltre, venerdì 18 ore 12. Non verranno considerate richieste pervenute oltre il termine ultimo indicato.
5) A seguito di richiesta accredito, verrà inoltrata una mail di conferma oppure di mancata accettazione per effetto di esaurimento posti disponibili.
6) Il giorno della proiezione sarà necessario presentarsi alle casse entro 30 minuti prima dello spettacolo, comunicando, in biglietteria, il nominativo con cui ci si è accreditati. Oltre tale orario i nominativi non presenti alle casse verranno depennati dall'elenco, per consentire agli esclusi, e alla gente comunque presente, di poter assistere alla proiezione.
7) Il costo del biglietto è di euro 7 (ridotto euro 6). All'atto del pagamento verrà rilasciato regolare biglietto Siae per accedere alla sala.
8) L'accredito via mail consente la partecipazione alla visione del film senza diritto a riservare file e poltrone. I posti a sedere non sono numerati.
9) Non è possibile occupare poltrone sulle quali è presente la scritta «riservato».
10) Per eventuali necessità legate ai suddetti aspetti organizzativi, è possibile contattare Piergiorgio Ravasio al numero di telefono 347/15 28 772 (dalle ore 18 in poi) o all'indirizzo email [email protected] . Per qualsiasi ulteriore richiesta d'informazioni, potete inviare una mail ad [email protected]

fa.tinaglia

© riproduzione riservata