L’Arlecchino «vagabondo» del Tascabile Apre l’edizione 2019 di «Arcate d’Arte»
Una scena di «Sul dorso della tartaruga»

L’Arlecchino «vagabondo» del Tascabile
Apre l’edizione 2019 di «Arcate d’Arte»

Si inaugura sabato 1 giugno la quinta edizione di «Arcate d’Arte», la rassegna del Teatro Tascabile che per tre mesi porterà danza teatro e cinema nel meraviglioso scenario del chiostro del Carmine in Città Alta.

Un arlecchino vagabondo alla ricerca delle proprie origini tra occidente e oriente, è il protagonista di «Sul dorso della tartaruga», lo spettacolo del Teatro Tascabile in prima nazionale il 1°giugno, apre l’edizione 2019 di Arcate d’Arte, un viaggio che già dal titolo si preannuncia lento, pazzo e avventuroso.
Guarda il servizio di Bergamo Tv.

«È un’idea ereditata da Renzo Vescovi e cioè dove è nato Arlecchino? Il gioco è questo», spiega Tiziana Barbieri del Teatro Tascabile, «alcuni dicono che è nato a Parigi, alcuni dicono a Venezia, ovviamente noi a Bergamo diciamo che è nato qui, ma nel nostro spettacolo abbiamo ipotizzato che le sue origini potrebbero essere indiane o ancora più a est dell’India. Questo è il gioco scherzoso su cui si basa lo spettacolo che dal punto di vista tecnico è una summa del nostro lavoro, sono presenti tecniche di danza e d’attore occidentale e orientale e anche di teatro di strada che è una delle linee di ricerca su cui il Teatro Tascabile lavora da 46 anni. Il nostro Arlecchino è dissociato e rappresenta la transculturalità, la possibilità che in realtà non ci sia una divisione così netta tra est e ovest e comunque rappresenta anche il futuro, un futuro globale magari».

arcate d'arte

arcate d'arte

Arcate d’Arte di Teatro Tascabile, giunto alla quinta edizione, anche quest’anno è realizzato in collaborazione con Danzaestate, Contemporary Locus e Lab80. Riempirà l’estate di eventi tra teatro, danza, proiezioni, laboratori, residenze e soprattutto ridarà vita all’ex Monastero del Carmine e al suo chiostro trasformato in un palcoscenico suggestivo e emozionante. Un luogo che sempre più i cittadini riscoprono e che ormai fa parte integrante del tessuto della di Città Alta. «Quest’anno sono due i temi fondamentali di Arcate, da una parte il teatro e l’arte asiatica e dall’altra il teatro e l’arte occidentale» conclude Tiziana Barbieri.

Tutto il programma di Arcate d’Arte su www.teatrotascabile.it.


© RIPRODUZIONE RISERVATA