Le donne e la Bibbia nel concerto di Stefano Rattini
Stefano Rattini

Le donne e la Bibbia
nel concerto di Stefano Rattini

Dulcis in fundo. Con il concerto «Le donne della Bibbia» venerdì 3 ottobre alle 21 si chiude la sesta edizione di «Box Organi. Suoni e parole d’autore», rassegna musicale che ruota attorno alle collaudate potenzialità foniche dell’organo Bossi Urbani 1889 della chiesa arcipresbiterale di Lallio e che unisce, in un mix indissolubile, musica classica, jazz e letteratura. Il terzo e ultimo appuntamento della manifestazione è affidato all’organista Stefano Rattini, che ci introdurrà, con un programma modellato per l’occasione, nell’universo femminile contenuto nei testi sacri.

Diplomato in organo e composizione organistica con il massimo dei voti e la lode sotto la guida di G. Parodi e titolare dell’organo della Cattedrale di Trento, Rattini si è poi perfezionato con S. Innocenti e C. Stembridge per la musica antica, con A. Zanon per la composizione e con F. Caporali, G. Kaunzinger, W. Porter, L. Mallié e J. Essl per l’improvvisazione.

La scaletta della serata è suddivisa in due parti simmetriche, dedicate rispettivamente all’Antico e al Nuovo Testamento e separate dalla famosa aria verdiana de «La Vergine degli Angeli», tratta dalla «Forza del destino». All’Ouverture dell’oratorio «Esther», di Haendel, nella trascrizione curata da John Walsh a metà Settecento, il ruolo di apertura del concerto, cui fa seguito la composizione «Suscipe caelum et numera stellas. Sarai-Sara», per organo e voce recitante, di Marialuisa Balza, scritta appositamente per Lallio. «Magdalena degna da laudare», di Rattini, è il secondo brano in prima assoluta del recital. Novità nella novità, la presenza della vocalist Elena Biagioni, specializzata in canto moderno e canto jazz, che si presenterà anche in veste di cantautrice. Accompagnata dal chitarrista Paolo Manzolini, eseguirà tre inedite canzoni ispirate a figure di donne bibliche, filtrate attraverso una serie di riletture e aggiornamenti. Il consueto spazio riservato alla lettura del racconto inedito a soggetto organistico sarà occupato da «Salve Regina» di Ferruccio Parazzoli, interpretato da Federica Cavalli. Per info e prenotazioni telefonare al 338-58.36.380


© RIPRODUZIONE RISERVATA