Lo spettacolo di Ranieri al Creberg ancora spostato. Sarà il 19 novembre
Massimo Ranieri

Lo spettacolo di Ranieri al Creberg
ancora spostato. Sarà il 19 novembre

Il lockdown è finito, ma resta il divieto di assembramento e dunque concerti e spettacoli sono destinati a soffrire ancora.

A seguito delle ultime disposizioni governative, RA.MA 2000 International e Anni 60 Produzioni comunicano il rinvio al 19 novembre 2020 dello spettacolo di Massimo Ranieri «Oggi è un altro giorno-Sogno e son desto» al Creberg Teatro di Bergamo. Lo spettacolo, inizialmente previsto il 5 marzo era stato riprogrammato per il 27 maggio. Si conferma che i biglietti già acquistati rimangono validi.

Ranieri tornerà dunque a calcare le scene in autunno con «Oggi è un altro giorno- Sogno e son desto» versione rinnovata del suo ormai leggendario show. Un nuovo emozionante viaggio tra interpretazioni cult, canzoni intramontabili, sketch divertenti e racconti inediti racchiusi in uno spettacolo unico, leggero e sofisticato, travolgente e commovente, costruito secondo la formula vincente di «Sogno e son desto» rivisitato e riproposto in chiave rinnovata, dalla scaletta alle scenografie e alle luci, per catturare e stupire ancora il pubblico.

Nel triplice ruolo di cantante, attore e narratore, Ranieri interpreterà i suoi successi e tutto il meglio del suo repertorio più amato, senza perdere di vista il gusto irrinunciabile della tradizione napoletana, gli omaggi ai grandi sognatori e ai classici del cantautorato italiano, i colpi di teatro umoristico e tante sorprese. Lo spettacolo sarà impreziosito da «Mia ragione», l’ultimo emozionante singolo dell’artista, presentato a Sanremo, che anticipa il nuovo album in uscita in autunno e arrangiato da Gino Vannelli.

Ad accompagnarlo l’orchestra formata da Flavio Mazzocchi (pianoforte), Andrea Pistilli (chitarra), Pierpaolo Ranieri (basso), Marco Rovinelli (batteria), Donato Sensini (fiati), Stefano Indino (fisarmonica), Tony Puja (chitarra), Giorgio de Bortoli (maestro di tap).


© RIPRODUZIONE RISERVATA