Ma quanto è social la Carrara Seconda su Instagram dietro gli Uffizi

Ma quanto è social la Carrara
Seconda su Instagram dietro gli Uffizi

Like, ovvero quando la differenza la fanno i cuoricini. Al giro di boa del nuovo anno è tempo di classifiche. Musei e pinacoteche stilano i primi bilanci.

Alla conta dei visitatori che hanno varcato la soglia di esposizioni permanenti, si aggiungono ora i dati social (Facebook, Twitter, Instagram), indicatori virtuali, ma d’eccellenza, su come i musei sfruttino le nuove tecnologie per promuovere le proprie iniziative. E il dato più clamoroso arriva nientemeno che da Bergamo. «Il nostro profilo Instagram – non nasconde il proprio orgoglio Gianpietro Bonaldi, responsabile operativo della Fondazione Accademia Carrara – in un anno ha raggiunto i vertici della classifica nazionale per numero di like e visualizzazioni. Attraverso un lavoro di comparazione su questa piattaforma digitale, abbiamo fatto i conti in tasca ai musei italiani di arte antica e moderna al dicembre 2017». E il risultato è sorprendente: l’account @accademia_carrara di Bergamo ha sfiorato i 270.000 like (268.803 per l’esattezza) ponendosi al secondo posto dietro l’inarrivabile e famoso @uffizigalleries di Firenze che ha totalizzato 764.883 cuoricini.

La Carrara mette poi in fila un nutrito gruppo delle più celebri gallerie e pinacoteche nazionali. A seguire vi sono infatti la Doria Pamphilj (84.911 like), Palazzo Strozzi (65.828), Gallerie Accademia di Venezia (64.925), Pinacoteca Bologna (39.751), Pinacoteca di Brera (39.063), Museo di Capodimonte (25.596), Museo Diocesano (9.756), Galleria Borghese (7.076). Il divario fra la Carrara e le altre istituzioni museali è evidente. Nella classifica globale dei musei italiani in Instagram che contempla anche spazi permanenti di arte contemporanea, tipicamente più smart per il pubblico social, parchi archeologici e così via, la Pinacoteca cittadina si piazza al 13° posto e subito dietro appaiono la Reggia di Caserta, La Venaria Reale, il Museo Egizio di Torino ecc.


© RIPRODUZIONE RISERVATA