Sabato 14 Dicembre 2013

Natale, concerto in S. Alessandro

Ecco come ascoltarlo in diretta

«Guarda la stella è la proposta del centro missionario per il Natale 2013
(Foto by Bedolis Foto)

In diretta streaming con tutte le missioni di Bergamo nel mondo, attraverso i siti www.ecodibergamo.it, www.cmdbergamo.org, www.websolidale.org, grazie al sostegno della Fondazione Credito Bergamasco e di altri diversi sponsor, insieme alla generosità dei cittadini e delle istituzioni, sabato 14 dicembre alle 21 torna l’appuntamento con il Concerto di Natale nella Basilica di Sant’Alessandro.

Sul palco circa 120 giovanissimi talenti, tra i più promettenti del panorama della musica classica italiana. È l’evento clou della campagna “Guarda la stella! Per un Natale nella luce della missione”, organizzata dal Centro Missionario della Diocesi di Bergamo, dall’Associazione Pro Jesu e dall’Ascom Bergam per sostenere 2 progetti missionari e il Fondo Famiglia e Lavoro, che, con il supporto della Caritas Bergamasca, vuole aiutare la famiglie bergamasche in difficoltà.

Durante la serata il Vescovo di Bergamo, Mons. Francesco Beschi, alla presenza del Sindaco di Bergamo, Franco Tentorio e dell’Assessore alle Attività Produttive, Enrica Foppa Pedretti, del Vicario Generale della Diocesi, mons. Davide Pelucchi, e di altre autorità militari, civili e religiose, consegnerà il premio “Papa Giovanni XXIII” a tre missionari bergamaschi: p.Giuseppe Carrara, del PIME nelle Filippine; suor Isidora Bertoli, delle Suore di Maria Bambina, in Brasile; Teresa Riva, missionaria laica in Brasile. A questo si aggiunge l’istituzione di una borsa di studio in ricordo di don Fausto Dossi, sacerdote fidei donum in Bolivia deceduto nel settembre scorso, per accompagnare gli studi di un giovane universitario della parrocchia di Munaypata La Paz dove don Fausto ha vissuto il suo ministero.

“La musica è definita come un linguaggio universale, ma possiamo anche aggiungere che attraverso la musica si possono toccare le corde dell’anima di chi ascolta e di chi esegue” sottolinea il maestro Cheristian Serazzi .

“Un concerto per i missionari – afferma don Giambattista Boffi, direttore del Centro Missionario Diocesano – come segno di riconoscenza e come appello alla comunità bergamasca perché non si affievolisca e , peggio ancora si spenga, lo spirito missionario che attraversa da sempre la storia della nostra Chiesa. Da 11 anni torna questo appuntamento, nato quasi in sordina, come piccolo segno di attenzione al mondo missionario. E’ vero che i missionari sono ‘altrove’ e noi ci gustiamo un tempo di serenità e, vorrei dire, di contemplazione, ma nello stesso tempo stabiliamo un contatto, che definirei spirituale, e partecipiamo del loro stesso Natale”.

Nella proposta di questo Natale trovano spazio i giovani nel contesto di un programma ricco e coinvolgente. Sarà l’orchestra da Camera Giovanile di Domodossola e l’Ensemble fiati e Gruppo Ottoni del Conservatorio Donizetti, diretti dal M° Christian Serazzi, insieme al Coro dei Piccoli musici di Casazza, diretto dal M° Mario Mora e alla violinista Francesca Temporin a rendere indimenticabile la serata con protagonisti più di 50 strumentisti e oltre 60 coristi riconosciuti a livello italiano ed europeo che renderanno onore al premio “Beato papa Giovanni XXIII”, giunto alla sua sesta edizione, a favore di tre missionari bergamaschi.

I giovani musicisti si confronteranno con pagine famose del repertorio sinfonico come la celeberrima Sinfonia in sol minore n. 40 (KV 550) di Wolfgang Amadeus Mozart, nella seconda versione scritta nel 1791, considerato uno dei sommi capolavori di ogni tempo nel massimo genere musicale. Una partitura nostalgica, inquieta, dai tratti anche drammatici che richiede una particolare cura esecutiva, attenta ai tratti stilistici.

Il concerto di Felix Mendelssohn per violino e orchestra, op 64 in mi minore, è uno dei capisaldi della letteratura dello strumento è una sfida che ogni grande violinista vuole affrontare nella propria carriera. Una partitura trasparente, morbida, dove il violino è protagonista di un intimo dialogo con l’orchestra che non si ferma mai,quasi fosse un racconto di una dimensione temporale indefinita.

Il Coro dei Piccoli Musici introdurrà la seconda parte del concerto con un brano famoso, La Vergine degli angeli, di Giuseppe Verdi in una versione per solo coro e arpa che esalterà ancor più l’ispirazione che aveva colto il grande maestro quando si recava a pregare [ presso l’altare minore della Basilica di Cortemaggiore, davanti al dipinto intitolato “La resurrezione di Maria”.

Seguirà il famoso canto tradizionale natalizio Adeste Fideles, il richiamo dei fedeli nell’adorare il Signore, Re degli angeli.

Chiuderanno il concerto Angels’Carol, un suggestivo momento musicale che inneggia alla nascita del Signore, e A Christmas Festival, un grandiosa e festosa sequenza di temi natalizi.

Il concerto è a scopo benefico e quanto raccolto andrà a sostegno dell’iniziativa: “Guarda la stella! Per un Natale nel cuore della missione” per i progetti a sostegno delle famiglie in Terra Santa, di una scuola materna a Malindi in Kenya e del fondo “Famiglia-Lavoro” della diocesi di Bergamo. E’ possibile partecipare ritirando il biglietto, con un libero contributo a sostegno dei progetti, presso il Centro Missionario Diocesano e la casetta in Largo Rezzara oppure dalle ore 20, fino ad esaurimento posti, presso la Basilica di Sant’Alessandro, la sera stessa del concerto. La partecipazione libera con il ritiro del biglietto è motivata dal voler gestire con ordine la serata e permettere a tutti di partecipare con comodità.

Al termine del concerto scambio di auguri al sapore del vin brulè grazie al gruppo alpini di Petosino.

© riproduzione riservata