Palma d’Oro ad Audiard con Dheepan Cinema italiano a mani vuote a Cannes

Palma d’Oro ad Audiard con Dheepan
Cinema italiano a mani vuote a Cannes

Il regista francese Jacques Audiard con Dheepan ha vinto la Palma d’Oro del 68° Festival di Cannes. L’Italia è restata a bocca asciutta, nessun premio per il nostro cinema, nonostante i tre film in concorso: «Il racconto dei racconti - Tale of tales» di Matteo Garrone, «Mia madre» di Nanni Moretti e «Youth - La giovinezza» di Paolo Sorrentino.

Soprattutto i film di Moretti e Sorrentino sembravano aver buone carte da giocare, invece non è stato così. «Cannes è un grande Festival anche quando gli italiani non vincono. Un dovere essere qui: Francia e Italia sono insieme il cinema europeo». È il tweet scritto dal ministro Dario Franceschini alla fine della cerimonia di premiazione del Festival.

Una scena di Dheepan

Una scena di Dheepan

Tre anni dopo «Un sapore di Ruggine e Ossa» e cinque anni dopo l’esordio folgorante di «Un profeta», che vinse il Grand Prix della giuria, il talento di Audiard è tornato in competizione a Cannes e ha vinto la Palma d’oro. Dheepan, che uscirà anche in Italia tra i titoli di Cinema di Valerio De Paolis distribuito da Bim, non ha deluso le attese facendo immergere lo spettatore in una storia solo apparentemente lontana.

Jacques Audiard posa per i fotografi

Jacques Audiard posa per i fotografi
(Foto by Lionel Cironneau)

Il regista mette in scena una famiglia «di comodo» dello Sri Lanka alle prese con l’immigrazione in Europa. La prima immagine è un villaggio messo a fuoco, guerriglieri e cadaveri bruciati, l’ultima (un happy end che è una trappola che si poteva evitare) un pic nic felice in Gran Bretagna. Dentro almeno due guerre: quelle nazionaliste, lui è un ex combattente tamil, e quelle delle banlieue francesi, in un inferno che sembra non finire mai.


© RIPRODUZIONE RISERVATA