Sanremo, standing ovation per Ligabue
Miglior duetto Motta con Nada -Foto

La quarta serata propone una nuova maratona, tutti i cantanti saranno in scena con un duetto. Attesa per Luciano Ligabue.

Sanremo, standing ovation per Ligabue     Miglior duetto Motta con Nada -Foto
Motta e Nada vincitori del premio come miglior duetto

È Ligabue la star della penultima serata di Sanremo, in programma venerdì 8 febbraio. L’artista - che torna all’Ariston dove emozionò nel 2014, al suo debutto assoluto al festival - proporrà tra l’altro un omaggio a Francesco Guccini in duetto con Claudio Baglioni.

VOTA QUI LA TUA CANZONE PREFERITA E GUARDA I RISULTATI DEL NOSTRO SONDAGGIO.

Segui la diretta con le foto dall’Ariston

00.52: Chiude il televoto ora la proclamazione del duetto vincente. Sono un po’ a sorpresa Motta e Nada a vincere il premio come miglior duetto. Qualche malumore del pubblico per la scelta, a noi invece è piaciuto molto. Qui si chiude. Buona notte a tutti! Ci vediamo domani per un’altra lunga diretta.

00.34: Achille Lauro con al discussa canzone Rolls Royce ospita Morgan, poi forse la proclamazione del miglior duetto e si potrà andare tutti a nanna aspettando l’ultima serata e finalmente il vincitore di questa edizione

00.30: Mentre arrivano Nino D’Angelo e Livio Cori con i Sottotono, i rapper varesini old school anni ’90, in redazione siamo rimasti in due e all’una qui chiudono tutto e ci buttano fuori.

00.23: Simone Cristicchi e Ermal Meta due vincenti insieme sul palco dell’Ariston.

00.17: C’è anche il Tg1, non si va più a letto... poi arriva Einar con Biondo e Sergio Sylvestre. mancano ancora tre coppie, ce la faremo.

00.03: È passata da poco la mezzanotte e sul palco arriva l’attesa interpretazione di Daniele Silvestri con Manuel Agnelli e Rancore. Il cantante degli Afterhours appare dall’alto su una piattaforma. È decisamente una delle più belle canzoni di questa edizione.

23.57: Loredana Bertè e Irene Grandi, è il secondo duetto tutto femminile al Festival dopo quello tra Tatangelo e Sirya.

23.52: Enrico Nigiotti con Paolo Jannacci e Massimo Ottoni.

23.45: Ex Otago con Jack Savoretti con la sua voce molto «black» riesce a dare uno slancio in più al brano.

23.35: Anna Tatangelo in coppia con una bellissima Sirya, l’amica che ha scritto la canzone con cui la Tatangelo aveva calcato per la prima volta il palco dell’Ariston. Due voci molto intense per un’interpretazione che commuove.

23.30: Paola Turci con Beppe Fiorello

23.25: C’è aria di Indie con The Zen Circus che chiamano sul palco l’amico Brunori Sas. Fa un po’ strano sentire la cadenza di Brunori in un brano così rock. Il suo apporto non da nulla di più o di diverso a una canzone che comunque più l’ascolti, più ti entra dentro, soprattutto nel testo.

23.15: Boomdabash con Rocco Hunt e i Musici Cantori di Milano

23.10: Nek con Neri Marcorè,

22.55: Monologo di Bisio sul difficile mestiere di padre tratto dal suo spettacolo «Father and Son». Poi è la volta di Anastasio altro ospite della serata.

22.37: Francesco Renga con Bungaro, e due grandi étoile a livello mondiale Eleonora Abbagnato e Friedemann Vogel.

22.32: Raffinata versione del brano di Ghemon grazie alla cristallina voce di Diodato insieme ai Calibro 35

22.25: È tempo di rap con Mahmood che ospita Guè Pequeno

22.20: Arisa con Tony Hadley e i Kataklò. Molto convincente la versione un po’ english della canzone di Arisa con Tony Hadley che canta in italiano con spiccato accento british.

22.10: Il Volo con Alessandro Quarta, l’interpretazione è salutata da un applauso caloroso e lunghissimo del pubblico in sala.


22.00: Negrita con Enrico Ruggeri e Roy Paci.

21.45: Se va l’ospite più atteso e si ritorna alla gara con Patty Pravo e Briga con Giovanni Caccamo. Siparietto finale tra Patty e Virginia Raffaele che ironizzano sull’imitazione che la presentatrice ha fatto alla cantante che sembrava avesse destato qualche fastidio nelle serate precedenti alla Pravo.

21.40: Baglioni duetta con Ligabue. Eseguono un omaggio a Francesco Guccini «Dio è morto»

21.30: Dopo la pubblicità subito sul palco Luciano Ligabue che canta Luci d’America e poi un suo grande classico «Urlando contro il cielo». Il pubblico lo applaude e intona il ritornello della canzone.

21.17: Irama con Noemi. La sua inconfondibile voce roca dà un tocco di profondità al brano.

21.12: Arriva Motta accompagnato da Nada. Lui imbraccia una chitarra acustica, lei in tallieur nero e bianco. Una versione molto accattivante di «Dov’è l’Italia».

21.07: Sul palco Federica Carta e Shade con Cristina D’Avena con un vestito lungo nero e blu e un cappello nero.

Al miglior duetto della serata andrà un premio speciale. Cambia la modalità di voto: il televoto pesa per il 50%, la sala stampa per il 30%, la giuria degli esperti per il 20%. Non vota più la demoscopica. A fine serata verrà messa a punto una nuova classifica, in base alla media tra le percentuali di voto ottenute durante la quarta serata (duetti) e quelli delle serate precedenti.

Questo l’ordine di uscita degli artisti al festival di Sanremo, stasera per la serata dei duetti: Federica Carta e Shade con Cristina D’Avena, Motta con Nada, Irama con Noemi, Patty Pravo e Briga con Giovanni Caccamo, Negrita con Enrico Ruggeri e Roy Paci, Il Volo con Alessandro Quarta, Arisa con Tony Hadley e i Kataklò, Mahmood con Guè Pequeno, Ghemon con Diodato e Calibro 35, Francesco Renga con Bungaro, Eleonora Abbagnato e Friedemann Vogel, Ultimo con Fabrizio Moro, Nek con Neri Marcorè, Boomdabash con Rocco Hunt e i Musici Cantori di Milano, The Zen Circus con Brunori Sas, Paola Turci con Beppe Fiorello, Anna Tatangelo con Syria, Ex-Otago con Jack Savoretti, Enrico Nigiotti con Paolo Jannacci e Massimo Ottoni, Loredana Bertè con Irene Grandi, Daniele Silvestri e Rancore con Manuel Agnelli, Einar con Biondo e Sergio Sylvestre, Simone Cristicchi con Ermal Meta, Nino D’Angelo e Livio Cori con i Sottotono. Chiudono Achille Lauro con Morgan.

© RIPRODUZIONE RISERVATA