Sanremo, vietati baci e abbracci Cts: attenzione ai rischi esterni

Sanremo, vietati baci e abbracci
Cts: attenzione ai rischi esterni

Saranno vietati baci, baciamano, abbracci e contatti ravvicinati di ogni tipo. Ecco le regole di Sanremo ai tempi del Covid. Distanza minima, due metri per i solisti con l’eccezione delle band alle quali è permesso mezzo metro.

Via libera al protocollo organizzativo e sanitario della Rai per Sanremo, in programma dal 2 al 6 marzo prossimo. A dare l’ok il Comitato tecnico scientifico che ha espresso «apprezzamento» per la scelta di eliminare la presenza del pubblico.

Gli esperti hanno però richiamato - a quanto si apprende - il rischio di assembramenti all’esterno, nelle aree limitrofe all’Ariston - ma anche in locali, alberghi, esercizi commerciali, ristoranti - che non ricadono sotto la diretta responsabilità della Rai. Di qui la necessità di «implementare» misure di sicurezza e tutela della salute che richiedono una «gestione partecipata» da parte delle istituzioni locali.

Molto chiari i divieti durante la manifestazione: saranno vietati baci, baciamano, abbracci e contatti ravvicinati di ogni tipo. Distanza minima, due metri per i solisti con l’eccezione delle band alle quali è permesso mezzo metro. Anche i fotografi (non più di venti) dovranno stare attenti: nessuna calca sarà ammessa e per scattare le foto dovranno restare distaccati almeno un metro l’uno dall’altro. Come informano le agenzie di stampa che riportano gran parte del testo del Protocollo, la giuria demoscopica voterà ma da casa con un’app dedicata. La sala stampa sarà fuori dall’Ariston ma sarà consentito ai giornalisti assistere, con mascherina e dopo i dovuti controlli, alla prova generale.

La buca dell’orchestra di 60 elementi sarà protetta da barriere in policarbonato così da separare la zona del coro dalla zona dei fiati. Inoltre questa sarà separata da quella destinata agli archi mentre la batteria e le percussioni saranno isolate da barriere in policarbonato. Sarà l’Asl 11 di Imperia a verificare che le regole siano rispettate e a intervenire qualora vi fossero dei sintomatici. In ogni caso, qualora si manifestassero per i partecipanti sintomi compatibili con Covid-19 (febbre, tosse o sintomi simil-influenzali), saranno informati i dirigenti e funzionari della Rai.


© RIPRODUZIONE RISERVATA