Trapianto di polmoni a Bergamo nella trincea del coronavirus
L’ospedale Papa Giovanni (Foto by Colleoni)

Trapianto di polmoni a Bergamo
nella trincea del coronavirus

All’ospedale Papa Giovanni XXIII un paziente di 54 anni, affetto da fibrosi polmonare, ha ricevuto due nuovi polmoni.

A Bergamo un uomo è tornato a respirare grazie a un trapianto. È successo all’ospedale Papa Giovanni XXIII, in questo momento forse la trincea più avanzata al mondo nella guerra al coronavirus: un paziente di 54 anni, affetto da fibrosi polmonare, ha ricevuto due nuovi polmoni da un donatore deceduto in un ospedale del Lazio. «Quello che fino a ieri era un processo di routine (sono stati 150 i trapianti effettuati a Bergamo nel 2019), oggi - commenta in una nota il Centro nazionale Trapianti - ha quasi dell’eccezionale: per l’enorme pressione alla quale è sottoposto il personale del Papa Giovanni XXIII, ma anche quello dell’intera rete trapiantologica nazionale, che sta facendo i conti con il sovraccarico delle rianimazioni e con le forti limitazioni della circolazione».

L’intervento è durato sette ore e mezza: c’è stata una buona ripresa della funzione polmonare e ora il paziente è in condizioni critiche ma stabili e in progressivo miglioramento, supportato dall’ossigenazione extracorporea Ecmo. «Questo non è solo un trapianto, è uno straordinario messaggio di speranza per tutti i nostri pazienti in lista d’attesa che oggi si sentono minacciati più degli altri dal coronavirus: la Rete trapianti non si ferma, è unita e solidale dal Nord al Sud del Paese e sta facendo il massimo per garantire l’attività di trapianto anche nelle zone più duramente colpite dall’epidemia», sottolinea il direttore del Centro nazionale trapianti Massimo Cardillo. «Ma è anche l’ennesima dimostrazione delle grandi capacità - conclude - del nostro Servizio sanitario nazionale, ora messo alla prova dall’emergenza».


© RIPRODUZIONE RISERVATA