Una strana partita di poker a Natale Quattro amici tra affetto e conflitti irrisolti

Una strana partita di poker a Natale
Quattro amici tra affetto e conflitti irrisolti

Teatro Sociale. Per la stagione di Prosa in scena «Regalo di Natale» tratto dal noto film di Pupi Avati. Una commedia brillante con un cast da applausi. Guarda il video dello spettacolo.

Una partita di poker tra quattro amici di vecchia data, organizzata la sera di Natale per spellare un «pollo», il quinto giocatore portato da uno di loro come vittima sacrificale, si rivela un serata che inizia nel segno del divertimento e della goliardia, continua con un crescendo di drammaticità e termina con un finale a sorpresa. È questa in estrema sintesi la trama di «Regalo di Natale» di Pupi Avati nella riduzione teatrale di Sergio Pierattini e la regia di Marcello Cotugno.

Una commedia che a teatro lascia il segno soprattutto per l’ottima interpretazione dei cinque attori Gigio Alberti, Filippo Dini, Giovanni Esposito, Valerio Santoro e Gennaro Di Biase. Una menzione particolare va anche alla scenografia di Luigi Ferrigno essenziale, ma molto efficace, giochi di luce e ombre segnano con incisività e poesia i passaggi essenziali del testo.

La partita è un pretesto per rivedersi dopo tanto tempo, per risolvere problemi economici ma anche per togliersi qualche sassolino dalle scarpe e far emergere conflitti mai risolti. I dialoghi sono serrati e divertenti e i personaggi molto ben caratterizzati, il finale in un crescendo di tensione non è scontato.


r.vitali
Roberto L.Vitali Giornalista Redazione Web L'Eco di Bergamo

© RIPRODUZIONE RISERVATA