WhatsApp ora è più sicuro Arriva la verifica in due passaggi

WhatsApp ora è più sicuro
Arriva la verifica in due passaggi

La funzione consente di aumentare la sicurezza dell’app e rendere molto più difficile il furto del proprio account in caso di smarrimento della sim

A distanza di qualche mese dall’annuncio ufficiale WhatsApp sta iniziando in queste ore a consegnare la verifica in due passaggi a tutti gli 1,2 miliardi di utenti del servizio. La funzione consente di aumentare la sicurezza dell’app e rendere molto più difficile il furto del proprio account in caso di smarrimento della sim. Una misura aggiuntiva per impedire a chiunque venga in possesso della nostra scheda di utilizzare il nostro account WhatsApp con il numero di telefono associato. La società spiega infatti: «Quando abiliti la verifica a due passaggi ogni tentativo di verificare il tuo numero di telefono su WhatsApp deve essere accompagnato dalla password di sei cifre che hai creato quando hai attivato la funzionalità».

Non è obbligatorio attivarla, ma WhatsApp consiglia di farlo per avere un livello di sicurezza maggiore del proprio account.. Per abilitarla è sufficiente aprire WhatsApp, scegliere la voce «Impostazioni», poi «Account», selezionare l’opzione «Verifica in due passaggi» e infine premere sul tasto «Abilita / Attiva».

Appena viene attivato, il sistema chiede di inserire un codice di sei cifre, che sarà richiesto ogni volta che si eseguirà la verifica del proprio numero di telefono.

Una volta attivata la verifica in due passaggi di WhatsApp ogni volta che dovremo abilitare l’applicazione sullo stesso numero di telefono dovremo inserire il codice numerico scelto, in modo da impedire l’accesso ad eventuali utenti malintenzionati. Il codice non va inserito ad ogni accesso dell’app, ma solo ad ogni nuova attivazione. L’operazione di attivazione della verifica a due step è ovviamente reversibile, con la funzionalità che può essere disattivata in un secondo momento. In seguito al primo setup si può anche cambiare la password o l’indirizzo e-mail associato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA