Cargo finito fuoripista a Orio al Serio L’inchiesta: «Fu errore umano»

Cargo finito fuoripista a Orio al Serio
L’inchiesta: «Fu errore umano»

Pubblicata la relazione finale dell’inchiesta dell’Ansv: l’incidente il 5 agosto di due anni fa a Orio al Serio.

È «essenzialmente riconducibile al fattore umano» l’incidente avvenuto all’aeroporto di Bergamo Orio al Serio il 5 agosto 2016, quando un Boeing 737-400 della Airlines Hungary Kft, proveniente da Parigi, finì fuori pista. I due piloti, unici occupanti del velivolo, vennero ricoverati in ospedale. È quanto ha stabilito l’Ansv (Agenzia nazionale per la sicurezza del volo) che ha pubblicato le relazione finale dell’inchiesta condotta sull’incidente.

Il velivolo, in fase di atterraggio, in condizioni meteorologiche avverse, dopo aver sorvolato la pista a pochi metri di altezza, atterrò a circa 2/3 della sua lunghezza. Non riuscendo a decelerare, il B737 uscì dal sedime aeroportuale, fermandosi 520 metri dopo il termine della pista. Il bireattore, a seguito del contatto con il terreno e con gli ostacoli presenti fuori dall’aeroporto, subì danni rilevanti, mentre i due piloti non ebbero conseguenze, anche se furono trasportati in ospedale per accertamenti.

Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale de L’Eco di Bergamo del 9 agosto 2018.

© RIPRODUZIONE RISERVATA