«Orio indispensabile per il territorio In 10 anni 1,75 miliardi di fatturato»

«Orio indispensabile per il territorio
In 10 anni 1,75 miliardi di fatturato»

Parla il direttore generale di Sacbo, Emilio Bellingardi: «Distribuiti 37 milioni di dividendi agli azionisti».

«Nel decennio 2006-2016 Sacbo ha registrato 1,75 miliardi di fatturato, 213 milioni di investimenti, 122 di utili e 37 di dividendi ai propri azionisti (tra i quali le due principali istituzioni locali, Comune e Provincia). Ciò dimostra che l’aeroporto è un asset indispensabile per l’economia della provincia, e se negli ultimi 8-9 anni nella Bergamasca si è osservato un livello di disoccupazione più basso rispetto ad altri territori, è proprio perché si è riusciti a tenere duro su alcuni suoi punti di forza, tra cui appunto lo scalo. Il “Caravaggio” ha creato opportunità e messo in moto un meccanismo positivo che ha portato sviluppo, interesse, e ha creato valore». Emilio Bellingardi, direttore generale di Sacbo, società che gestisce l’aeroporto di Orio snocciola numeri su numeri.

Emilio Bellingardi

Emilio Bellingardi

«Sono tutti dati da tener presente, quando il tema a cui si guarda è cosa lascia sul territorio Ryanair a fronte dell’impegno di tutti. Noi abbiamo in modo trasparente un sistema di incentivazione accessibile a tutte le compagnie che vogliono operare e crescere sul nostro scalo - chiaramente commisurato al loro traffico -, un meccanismo che quasi tutti gli aeroporti d’Europa adottano. Ryanair, come ogni altra compagnia operante sullo scalo, riceve un piccolo investimento e rilascia sul territorio e in azienda un valore importante. Certo bisogna avere, oltre a una macchina efficiente come è quella di Sacbo, un mercato e una domanda di traffico importante. Domanda che c’è, e che dovremmo evitare di disattendere nel futuro» spiega Bellingardi, rispondendo così a chi chiede di fermare la crescita dello scalo. «Il fatto di avere questa facile accessibilità al territorio ha creato l’apertura di tutta una serie di iniziative che se venissero improvvisamente a sparire poi sì che diventerebbe un problema, ed è difficile immaginare cosa potrebbe accadere».

Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale de L’Eco di Bergamo del 26 gennaio

© RIPRODUZIONE RISERVATA