Wizz Air, primo atterraggio a Orio per il nuovo Airbus A321ceo - Foto

Wizz Air, primo atterraggio a Orio
per il nuovo Airbus A321ceo - Foto

Wizz Air, la più grande compagnia aerea low-cost in Europa centrale e orientale, festeggia il primo volo con il nuovo Airbus A321ceo, recentemente entrato a far parte della propria flotta, all’aeroporto di Orio al Serio dove opera da 12 anni.

Questo aeromobile, che sarà impiegato sulla rotta tra Bucarest Oponeni e lo scalo bergamasco e dagli inizi del 2017 sulla rotta con Sofia, si caratterizza per la migliore efficienza operativa, minori consumi e riduzione delle emissioni del 10% rispetto alla famiglia 320. Alla presentazione, venerdì 1° luglio, hanno partecipato Gabor Vasarhelyi, corporate communication manager di Wizz Air; Emilio Bellingardi, direttore generale Sacbo; Giacomo Cattaneo, direttore aviation Sacbo.

L’Aeroporto di Orio è stato uno dei primi scali che Wizz Air ha aggiunto alla sua rete di collegamenti low-cost nel maggio 2004 e da allora la compagnia aerea ha costantemente ampliato la propria rete di collegamenti tra la Lombardia con i Paesi dell’Europa centrale e orientale. Con le destinazioni di Suceava e Podgorica recentemente annunciate, i collegamenti di Wizz Air sono arrivati a coprire 19 rotte verso 10 Paesi. Oltre a Bergamo, Wizz Air opera voli da 14 aeroporti italiani con 80 rotte per 21 destinazioni. L’impegno di Wizz Air a Bergamo è sottolineato dalla crescita significativa del numero di passeggeri. Nel 2015 Wizz Air ha trasportato quasi 500.000 passeggeri sulle sue rotte a tariffe low cost da e per Milano Bergamo, con una crescita del 15%.

Il primo volo Wizz Air con un aereo Airbus A321ceo è una tappa importante nelle operazioni su Orio della compagnia aerea. L’aeromobile è stato introdotto nel novembre 2015 nella flotta di Wizz Air, che ora dispone di sette A321 impiegati sulle rotte più importanti. Il primo volo con l’A321ceo da Milano Bergamo ha come destinazione Bucarest e da febbraio 2017 è prevista l’aggiunta di Sofia. Con 230 posti a bordo, l’Airbus A321ceo è l’aereo passeggeri a corridoio singolo più efficiente con una economia di esercizio superiore del velivolo e ciò significa che Wizz offre più posti per più destinazioni a tariffe più basse ed allo stesso tempo con una emissione ridotta del rumore.

Oltre al restyling della livrea, l’A321 dispone di nuovi colori per gli interni, un ambiente cabina più leggera, sedili in pelle morbida e più scelta nei posti a sedere. Nel 2018 Wizz potrà contare su 30 Airbus A321ceo e nel 2019 una nuova versione A321neo attraverso 2018 con una tecnologia più avanzata del motore. Il continuo investimento in nuove tecnologie rispecchiano l’impegno di Wizz Air per diventare la compagnia aerea più efficiente in Europa e questo, a sua volta, contribuirà a garantire che Wizz Air rimane la più grande compagnia aerea tariffa low-cost dell’Europa centrale e orientale.

Gabor Vasarhelyi, corporate communications Manager di Wizz Air, ha dichiarato: «Siamo entusiasti di celebrare il primo atterraggio di un nostro nuovo A321 Airbus all’aeroporto di Milano Bergamo. Abbiamo effettuato oltre tre milioni di passeggeri sulle nostre rotte low-cost nel corso dei 12 anni di proficua collaborazione con l’aeroporto e questo importante traguardo sottolinea ancora una volta il nostro impegno per i passeggeri di Milano Bergamo. Il dispiegamento del velivolo Airbus A321ceo, come il più efficiente aeromobile a corridoio singolo in cielo, ci aiuterà a mantenere le nostre tariffe basse e ampliare la nostra rete in continua crescita, mentre noi continueremo a migliorare e fornire un eccellente servizio di bordo su ogni volo Wizz. Il nostro equipaggio attende di darvi il benvenuto a bordo di uno dei nostri Airbus A321».

NUOVE ROTTE WIZZ AIR DALL’AEROPORTO DI ORIO AL SERIO

Suceava: mercoledì e domenica, con inizio 3 agosto, a 19,99 euro comprese le tasse e oneri non opzionali.

Podgorica: martedì e sabato, dal 20 agosto, 29,99 euro comprese le tasse e oneri non opzionali.

Kutaisi: mercoledì e domenica, dal 25 settembre, 29,99 euro comprese le tasse e oneri non opzionali

© RIPRODUZIONE RISERVATA