Filago, uccisa e gettata nel pozzo La vittima colpita più volte alla testa

Filago, uccisa e gettata nel pozzo
La vittima colpita più volte alla testa

Franca Locatelli, 72 anni, è stata uccisa con diversi colpi alla testa, forse con una mazza, e poi gettata in un pozzo, alle spalle della sua abitazione, un casale di via Cantacucco a Filago, vicino al Brembo.

«Quando hanno sollevato il coperchio ho avuto un presentimento. E infatti non me la sono sentita di guardare all’interno. Il maresciallo ha scrutato di sotto, guardando nel pozzo perdente, e ha detto: “È qui, trovata: allontaniamoci subito”». Mancava mezz’ora all’una di domenica pomeriggio quando il timore che a Franca Locatelli fosse accaduto qualcosa di grave si è concretizzato sotto il pesante coperchio in cemento che tappa un pozzo largo quasi due metri e profondo svariati.

Franca Locatelli

Franca Locatelli

Testimone di quei drammatici istanti un cugino dei tre fratelli Locatelli – Franca, Maria Cristina e Pierantonio – che da domenica mattina stava partecipando alle ricerche della settantaduenne, dopo il ritrovamento di Pierantonio senza sensi e con la ferita in testa nel garage. «L’infermiera che sabato sera era venuta qui per cambiare e accudire Maria Cristina – spiega – aveva chiesto a Piero: “An do éla la Franca?” (“Dov’è Franca?”, ndr). E lui le aveva risposto: “A l’è di quàter che la manca” (“Manca dalle 16”, ndr). Alle 8,30 di domenica è arrivata l’altra infermiera, che ha trovato la porta semichiusa. È entrata, ha visto che Maria Cristina era lì da sola e ha chiamato il vicino di casa: sono andati nel garage e lo hanno trovato là in terra ferito. Ma Piero e Franca li avevano sentiti bisticciare già la mattina (di sabato, ndr) e poi anche alle 17 (sempre di sabato, ndr)».

«Io stamattina ero a Messa e sono subito corso qui. Sono cominciate le ricerche di Franca. A quel punto mi è venuto un drammatico sospetto, perché spesso Piero diceva: “Ü dé o l’óter ta cópe e ta büte dét” (“Un giorno o l’altro ti uccido e ti getto nel pozzo”, ndr). Così ho detto di provare a guardare anche all’interno di quel pozzo. E purtroppo il corpo di Franca era proprio lì». Solo suggestioni della concitazione delle ricerche, oppure dietro quanto raccontato dal cugino della vittima c’è qualcosa di vero? Sta agli inquirenti scoprirlo. 


Leggi l’approfondimento sull’Edizione de L’Eco di Bergamo in edicola il 6 novembre 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA