Ponte di San Michele, Rfi conferma:  «Aprirà per pedoni e bici dal 29 marzo»
I lavori per la riapertura del ponte proseguono giorno e notte

Ponte di San Michele, Rfi conferma:

«Aprirà per pedoni e bici dal 29 marzo»

Il Comitato chiede conto dei finanziamenti e dei bus-navetta. Terzi: «I fondi sono stati confermati. Sui bus-navetta ci stiamo lavorando»

Fervono i lavori sulla sede stradale del ponte San Michele, giorno e notte compresi domeniche e festivi, per la riapertura di venerdì 29 marzo. La data è stata confermata dai vertici di Rfi, dopo il sopralluogo tecnico effettuato nei giorni scorsi. Il cronoprogramma è confermato in tutti i dettagli come formulato dal commissario Maurizio Gentile. Il ponte si aprirà a cicli e pedoni.Nel frattempo, a due settimane dall’apertura, il Comitato Ponte San Michele esprime perplessità per quanto riguarda la mobilità alternativa.

«Il ponte San Michele riapre a pedoni e biciclette il 29 marzo, ma noi del Comitato vogliamo sapere, a nome dei nostri tremila e più soci, se si è pensato a come organizzare i bus-navetta, ovvero le varie fermate sul territorio di Calusco d’Adda al ponte, o ai parcheggi disponibili, ma anche alle nostre proposte di bici elettriche – evidenzia in conferenza Marco Ardenghi, rappresentante dei commercianti bergamaschi per il Comitato –. Mancano meno di due settimane e vogliamo avere risposte certe in merito alla mobilità alternativa che scatterà dopo l’apertura del ponte a cicli e pedoni».


Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale de L’Eco di Bergamo del

© RIPRODUZIONE RISERVATA