Mille eventi contro la trombosi

Scatta la salute: la giornata del benessere targata ALT, Associazione per la Lotta alla Trombosi e alle malattie cardiovascolari, diventa social! Selfie, tag e condivisioni per gridare: #ALTpigrizia nella III Giornata Nazionale per la lotta alla Trombosi! Insieme ad ALT tanti campioni dello sport.

Mille eventi contro la trombosi
Lidia Rota Vender

Scatta la salute: la giornata del benessere targata ALT, Associazione per la Lotta alla Trombosi e alle malattie cardiovascolari, diventa social! Selfie, tag e condivisioni per gridare: #ALTpigrizia nella III Giornata Nazionale per la lotta alla Trombosi! Insieme ad ALT tanti campioni dello sport.

Mercoledì 16 aprile 2014, scienza e buon senso correranno fianco a fianco per ricordare che patologie come infarto, ictus, embolia, trombosi venose e arteriose, possono essere evitate scegliendo uno stile di vita sano e intelligente.

L’iniziativa, lanciata da ALT e sostenuta da una straordinaria «Squadra della Salute», è stata presentata nella gremita Sala Buzzati di via Eugenio Balzan, 3 a Milano, dalla presidente di ALT, Lidia Rota Vender, in compagnia del Direttore della Gazzetta dello Sport, Andrea Monti e dal moderatore Daniele Redaelli. Presente in sala anche Massimo Achini, presidente CSI (Centro Sportivo Italiano) a testimonianza dell’alleanza sport e prevenzione, ingredienti anche di Gazzetta CUP di cui ALT è charity partner 2014.

La terza edizione della Giornata Nazionale per la Lotta alla Trombosi, evento che coinvolge le principali città italiane, è patrocinata da Regione Lombardia, Comune di Milano, CONI (Comitato Olimpico Nazionale Italiano), Expo Milano 2015, FCSA (Federazione Centri per la Diagnosi della Trombosi e la Sorveglianza delle Terapie Antitrombotiche) e SISET (Società Italiana per lo Studio dell’Emostasi e della Trombosi).

New entry del 2014, l’irresistibile campagna selfie: da quindici giorni a questa parte, tantissime foto con l’hashtag #ALTpigrizia sono state scattate, e condivise, sui maggiori social network, da Twitter a Instagram. Ognuna ha rappresentato un modo diverso e creativo per dire ALT alla pigrizia! Ognuna si è fatta portavoce di un tag che ha visto amici e parenti coinvolti in un’insolita sfida: diffondere il più possibile il messaggio della prevenzione, attraverso scatti e hashag #ALTpigrizia raccolti su www.altpigrizia.org

I risultati dell’iniziativa, sostenuta con generosità anche dai circuiti Radio Monte Carlo, Radio 105, e Virgin Radio, saranno presentati martedì 15 aprile, nel corso della serata Healthy Hour organizzata nella frizzante location di RP Design di via Paolo Giovio, 3 a Milano. Durante l’evento, dedicato alla cucina al vapore, sana e gustosa, verrà proiettata la home del sito internet www.altpigrizia.org su cui appariranno gli autoscatti dei presenti.

«Questa è Scienza. Questo è Buonsenso» è il messaggio della campagna che sta mobilitando moltissime persone. “É fondamentale capire l’importanza del binomio: ricerca scientifica e libera scelta. Solo partendo da una certa consapevolezza si potranno trasformare abitudini di vita scorrette in uno stile più sano, fatto di attività fisica e alimentazione naturale – spiega la presidente di ALT, Lidia Rota Vender – La nostra è una missione che guarda ai bambini e alle loro famiglie, ma anche alle imprese, agli enti locali, ai medici di famiglia e ai loro pazienti: perché prevenire si può e si deve!”

Dal 1987 la Onlus ALT - Associazione per la Lotta alla Trombosi e alle malattie cardiovascolari – porta avanti in Italia una ferrea attività di informazione e prevenzione, realizzando progetti su tutto il territorio nazionale. Nel bel Paese, infatti, solo una persona su tre conosce il significato della parola “Trombosi”, eppure, le ricerche mostrano come (almeno) in un caso su tre queste malattie possano essere evitate, prestando attenzione alla quotidianità e spingendo le nuove generazioni ad abbracciare comportamenti equilibrati.

A sostenere l’iniziativa, anche quest’anno, grandi nomi dello spettacolo e dello sport che hanno scelto di sottoscrivere il manifesto della Squadra della Salute. Un documento che raccoglie in dieci punti, semplici ma fondamentali, le mosse indispensabili per salvaguardare la salute e sconfiggere le malattie cardiovascolari fin dalla tenera età.

Una vita all’insegna dell’attività fisica e del gioco significa, infatti, non solo divertimento, ma anche benessere psicofisico. Lo sa bene, la bella Federica Fontana, madrina dell’iniziativa, conduttrice televisiva, mamma di due figli e moglie felice. Da sempre Federica è un’accanita sostenitrice della forma fisica tanto da dedicare al tema il suo cliccatissimo blog.

La Squadra della Salute è capitanata dal coach Dan Peterson (www.giornatatrombosi.it). É anche grazie al supporto del grande commentatore tv dello sport americano, che tanti campioni della pallacanestro hanno messo a segno innumerevoli vittorie tra cui: una coppa dei Campioni, una Korac, 5 scudetti e 3 coppe Italia.

Giocheranno in prima linea nella Squadra della Salute:

Alessandro Betti, milanese di nascita, classe 66, è tra i volti più popolari per chi segue la comicità in tv. La sua formazione fa si che non sia solo tra i più anticonformisti attori comici del momento ma anche tra i più singolari interpreti drammatici.

Diego Confalonieri, tira di scherma dall’età di sei anni e diventa campione italiano nella specialità della spada. Tante le medaglie conquistate nella carriera, un bronzo olimpico, un argento e un bronzo mondiale. La vittoria più bella arriva però nell’agosto del 2013 con la nascita della figlia Asia.

Maurizia Cacciatori: ex pallavolista alzatrice, vince con le azzurre un oro ai Giochi del Mediterraneo del 2001, un bronzo e un argento agli Europei del 1999 in Italia e del 2001 in Bulgaria e partecipa nel 2000 alle Olimpiadi di Sydney, prima qualificazione in assoluto per la nazionale femminile di pallavolo. Oggi Maurizia è opinionista sportiva per Sky Sport. Ha due figli piccoli, un maschio e una femmina, e ha vinto anche 5 scudetti tra Italia e Spagna e 3 Champions League.

Billy Alessandro Costacurta, prodotto del vivaio rossonero, esordisce in Coppa Italia nel 1986. Ha all’attivo ventuno campionati, 2 Coppe Intercontinentali, 5 Coppe dei Campioni, 7 scudetti e un posto da vice-campione del mondo nel 1994 con la Squadra Nazionale. Oggi, tolta la maglia del difensore, Billy ha intrapreso la carriera da allenatore.

Nicola Damiano, gioca le sue partite di pallacanestro dalla sedia a rotelle su cui è costretto da quando ha 16 anni a causa di un terribile incidente in moto. Da allora, dice sua madre: “Vive di pane e basket!”. Nel 2009, grazie alla sua nuova passione, diventa Campione d’Europa con la Nazionale e partecipa nel 2012 alle Paralimpiadi di Londra. Nel 2013 è stato protagonista del Triplete con la Briantea84.

Valentina Marchei, azzurra ai Giochi di Sochi e 5 volte campionessa italiana di pattinaggio su ghiaccio.

Daniele Molmenti, canoista classe 1984, specializzato nella prova del K1 Slalom, 2 titoli mondiali. Daniele incontra la vittoria che gli cambia la vita nel giorno del su 28esimo compleanno, il 1° agosto del 2012, aggiudicandosi l’oro alla XXX Olimpiade di Londra.

Samuel Pizzetti, nuotatore (plurimedagliato) della Nazionale, 2 argenti e 3 bronzi europei si definisce “veloce, aggressivo, determinato”. Il suo è uno stile di vita sano: sveglia alle 7, direzione piscina dove nuoterà per 70 km a settimana. “Se fossi un pesce, sarei un Barracuda” – giura.

Elisabetta Preziosa, soprannominata «Betta», una ginnasta italiana, membro della nazionale di artistica femminile, ha vinto quattro medaglie ai Giochi del Mediterraneo del 2009 ed un bronzo alla trave agli Europei di Berlino 2011.

Jessica Rossi, ventidue anni, 2 titoli mondiali e un bronzo, tiratrice di tiro a volo da record mondiale: 99 piattelli colpiti su 100 e la medaglia d’oro ai Giochi olimpici di Londra 2012 nel trap femminile.

Andrea Zorzi, detto Zorro, colonna portante della nazionale azzurra di pallavolo conosciuta come la “Generazione di fenomeni”, un argento olimpico, 2 scudetti e 1 Champions League. È stato due volte campione del mondo e tre volte campione europeo.

Ed è proprio ai più giovani che la III Giornata Nazionale per la lotta alla Trombosi si rivolge con tantissimi eventi organizzati in tutta Italia: da Bari a Genova, da Napoli a Bologna, da Palermo a Milano. Occasioni per mostrare, in modo chiaro e divertente, come sia possibile prevenire malattie letali con semplici abitudini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA