Muore in montagna campione di atletica Franco Togni: 56 anni, padre di tre figli
Franco Togni

Muore in montagna campione di atletica
Franco Togni: 56 anni, padre di tre figli

Quando ha visto quel corpo che sembrava privo di vita, come abbandonato nel gelo ai piedi del monte Grabiasca, l’escursionista di passaggio non poteva immaginare che si trattava di uno dei più forti atleti bergamaschi: Franco Togni, 56 anni, maratoneta di Sorisole, l’uomo dalle mille risorse e dai mille record, era partito per il suo ultimo viaggio.

Un viaggio che l’ha portato su una maledetta lingua di neve ghiacciata sulla quale è scivolato, precipitando poi per diversi metri per terminare la sua caduta solo, al gelo, in attesa che qualcuno si accorgesse di quel corpo esanime. Il corpo di Togni si trovava nei pressi del passo di Valsecca, a quota 2.300 metri, poco sopra il rifugio Calvi, ai piedi del monte Grabiasca. La centrale operativa ha allertato il Soccorso alpino e fatto decollare l’elicottero dalla base del Papa Giovanni. In pochi minuti l’elicottero è arrivato sul posto indicato dall’escursionista e ha individuato il corpo di Togni. L’uomo era ben equipaggiato, indossava i ramponi, e l’escursione probabilmente era programmata per più giorni.

Franco Togni è stato tradito dalla montagna, la stessa di cui era un frequentatore esperto: tra le conquiste più belle di cui amava parlare, c’erano state le scalate al monte Bianco e al monte Ararat (5.137 metri, in Turchia). Era stata però la regina di tutti gli sport, ovvero l’atletica, a regalare le vette agonistiche più importanti a questo 56enne di Sorisole che sapeva vivere la vita con lo stesso entusiasmo di un ragazzino.

Poco meno di un mese fa, a Ravenna, s’era preso l’ennesimo titolo italiano di Maratona master (categoria M55, crono 2h44’07”), a vent’anni esatti di distanza dall’edizione di Carpi ’96, che lo consacrò nella leggenda dello sport bergamasco e italiano. La sua scomparsa lascia nel dolore la moglie Patrizia e i tre figli Manuel (22 anni), Simona (20 anni) e Gabriele (18 anni), che da oggi saranno abbracciati dal mondo dello sport bergamasco.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 30 dicembre 2016

© RIPRODUZIONE RISERVATA