L’idea di Europa unita si è fermata al Brennero

L’idea di Europa unita
si è fermata al Brennero

C’è un deficit di Europa. La recinzione lunga 370 metri e alta 4 metri al valico del Brennero è il simbolo del declino dell’unità del Vecchio Continente. Ha ragione la Svp, il partito popolare sudtirolese, da sempre maggioritario in Alto Adige: «La reintroduzione dei controlli di confine conferma la mancanza di una via europea all’emergenza profughi». Invece di unire le forze per controllare i confini dell’Europa, ci si concentra su quelli, già abbattuti, tra Stati dell’Unione Europea. Le polizie e, solo necessario, gli eserciti dei Paesi continentali dovrebbero unirsi per pattugliare i confini esterni.

Ma l’Europa non c’è. Non c’è come organismo unitario, non è avvertita come patria comune. Se ci percepissimo come cittadini europei, non avvertiremmo più la necessità di presidiare i vecchi confini già cancellati dalla storia. L’idea di Europa unita è rimasta un espediente retorico, non è entrata nella mentalità della gente comune, nonostante decenni di campagne educative nelle scuole. I controlli alla frontiera del Brennero erano stati eliminati nel 1998. Se dopo diciotto anni sono ripristinati, significa che non ha torto chi sostiene che i confini siano stati abbandonati troppo frettolosamente. Perché, anche dopo un periodo così lungo, i cittadini europei continuano a sentirsi austriaci o italiani, francesi o tedeschi, anglosassoni o latini. I controlli di polizia sono stati reintrodotti dalla Francia dopo gli attentati terroristici, dai Paesi Bassi, dalla Danimarca. Per fermare i migranti, l’Ungheria ha costruito una recinzione al confine con la Serbia, fuori dall’Unione come la Macedonia, che blocca gli ingressi dalla Grecia, un Paese dello spazio Schengen.

A giugno si terrà nel Regno Unito il referendum per decidere se il Paese debba restare nell’Unione Europea o lasciarla. Se vincesse l’isolazionismo, potrebbe riprendere quota il separatismo in Scozia, che nell’Europa vede un contrappeso a Londra. In Catalogna, come nei Paesi Baschi, si continua a coltivare il sogno dell’indipendenza da Madrid. Insomma, mentre evapora l’Europa, si riaccendono i separatismi interni agli Stati, che solo l’unità di tutti i popoli continentali potrebbe far tramontare. La scomparsa dei confini, infatti, rigenera le regioni europee, come quella transfrontaliera del Tirolo. Ora, al Brennero, si riapre una ferita vecchia di quasi cent’anni.


diego.colombo@eco.bg.it
Diego Colombo Giornalista

© RIPRODUZIONE RISERVATA