Lunedì 10 Giugno 2013

Nuova avventura
Moki veste i bimbi

Ha iniziato la sua avventura sartoriale nel 2006, sperimentando la moda donna partendo dall'arte, dalla passione per il ricamo, da quella finezza romantica e classica che la contraddistingue. Delicata e leggiadra Monica Silva, è capace di stupire con abiti bon ton e allo stesso tempo di sorprendere con mix di colori e tagli di abito dal gusto più ardito. Ma sempre con leggiadria. Da sempre il suo atelier è in via Nullo 48b, a Bergamo, un salotto tranquillo dall'atmosfera familiare che ora pensa anche ai più piccoli. Tra gioielli e cappelli, borse all'uncinetto e e tazze di tè, la stilista bergamasca debutta per questa stagione primaverile con la nuova linea bambino.

«Ho risposto alla richiesta delle clienti che da tempo mi chiedevano una collezione per i loro figli. Alla fine ho esaudito anche una mia voglia personale di raccontare, attraverso stoffe e colori, anche i più piccoli» spiega Monica, in arte Moki - come il nome della sua etichetta - che ha preparato una collezione dai tessuti morbidi e dalle fantasie più allegre.

«Per un bambino comodo, che ha sempre voglia di giocare ed esplorare il mondo. Che possa divertirsi anche con quello che ha addosso» aggiunge lei, tanto che proprio da questa idea, oltre a una linea di abiti e completi sartoriali, ha preparato tutta una serie di magliette dalla costruzione artigianale, «come se a cucirle, a pensare a quelle sagome applicate e a quei giochi di colore, fossero stati i bimbi». Intanto per Moki questa collezione è diventata una coccola, «in armonia con la collezione donna, richiamando fantasie e tonalità». Scamiciati leggeri a fiori, maglioncini dai mille colori, gonne in tulle e larghi pantaloni. «E se ora ho sfruttato tessuti leggerissimi come il popeline di cotone, senza mai abbandonare fantasie sgargianti, per l'inverno sto già pensando ad abitini e cappotti dai toni crema e dai colori pastello». Moki però non abbandona la vivacità di una collezione che è pensata «per i bambini ed è dei bambini: è un punto fermo in cui credo moltissimo - continua -. Da qui parte tutta questa nuova avventura, perchè sono loro i piccoli protagonisti di un mondo all'insegna del sorriso».

Fa. Ti.

fa.tinaglia

© riproduzione riservata