Architettura, impresa e bene comune Clusone piange Gianni Baretti
Al centro, Gianni Baretti

Architettura, impresa e bene comune
Clusone piange Gianni Baretti

Titolare dello studio Gba ed ex amministratore, è morto a 69 anni. Progettò il restyling di piazza Rocca. «Possa essere di ispirazione per le nuove generazioni».

Clusone perde una figura che ha fatto la storia della città: noto architetto, ex amministratore e imprenditore, Gianni Baretti è morto nel pomeriggio di domenica 20 dicembre all’ospedale Locatelli di Piario. Clusonese, classe 1951, l’architetto Baretti era molto noto per la sua professione, per il suo impegno per la città e non ultimo per la sua attività imprenditoriale. Il suo studio, «Gba Gianni Baretti Architects» aveva due sedi, a Clusone e a Praga, in Repubblica Ceca. Da alcuni anni aveva rilevato anche lo storico Supermercato Testmark, poi Carrefour, ora Market, di cui aveva tra l’altro recentemente curato il progetto di riqualificazione e ampliamento.

Impegnato per il bene comune, Baretti fu assessore all’edilizia privata e all’urbanistica nei mandati di Giorgio Merletti (1980-85) e Maria Luisa Ercoli (1990-94). «La notizia ci ha lasciato senza parole – riferisce il sindaco di Clusone Massimo Morstabilini –, Baretti è stata una persona molto importante per la nostra città, sia come progettista, sia in amministrazione. Quando ci incontravamo, ci si fermava per scambiare opinioni sulla vita della nostra città. Il nostro pensiero va alla sua famiglia, la moglie Antonella che è dipendente comunale e alla giovane figlia Sara».

© RIPRODUZIONE RISERVATA