Assalto in Città Alta e alle seconde case Il boom nelle valli preoccupa i sindaci
Folla sulla Corsarola in Città Alta domenica 1 novembre (Foto by Colleoni)

Assalto in Città Alta e alle seconde case
Il boom nelle valli preoccupa i sindaci

Weekend. La Corsarola di nuovo affollata da anziani e famiglie, come prima del lockdown. Runner e passeggiate. Nelle valli Brembana e Seriana code d’auto, sembrava agosto. Se i villeggianti resteranno dipenderà dal Dpcm.

Un fiume, con ondate di persone. Mentre governo e regioni discutono di lockdown, di misure chirurgiche per le aree più critiche o di provvedimenti uniformi per tutto il Paese, di «coprifuoco generazionale» per ridurre i rischi per le persone più anziane, della necessità di prendere misure per arginare i contagi che non si fermano, lo sguardo sulla città consegna la fotografia di una domenica (di festa e di bel tempo) che ha portato tantissime – immagini alla mano – persone in giro, accalcate nei luoghi del turismo a chilometro zero. Ieri pomeriggio, infatti, Città alta è stata nuovamente invasa. Dai bergamaschi più che dai turisti, anche se i «fuoriporta» – da Milano soprattutto – non sono mancati. La Corsarola è tornata a riempirsi e a tratti anche a ingolfarsi, col passo rallentato e i «passeggiatori» (molti anche anziani) che scorrevano fianco a fianco, con la mascherina sì, ma senza quel metro di distanziamento sociale che invece è la prassi che scandisce la quotidianità anti-contagio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA