Cacciatore spara a un fagiano ma colpisce un giocatore di softair

Cacciatore spara a un fagiano
ma colpisce un giocatore di softair

Ha sparato a un fagiano ma i pallini, di rimbalzo, hanno colpito alle gambe un giocatore di softair che era acquattato dietro un arbusto.

Attimi di paura domenica 14 ottobre alle 16,50 a Carvico, nella boscaglia che si trova nella zona industriale di via Brugari, poco più avanti del Mollificio. Un cacciatore 61enne di Sotto il Monte ha colpito accidentalmente un ragazzo di 25 anni di origini bielorusse residente a Rogno, A. B., che con una ventina di amici stava giocando a softair nella stessa zona. Il giovane è stato colpito da una decina di pallini alle gambe: è stato trasportato al Policlinico di Zingonia e le sue condizioni non sono gravi.

Ma avrebbe potuto andare molto peggio: il ragazzo infatti un minuto prima era accucciato e avrebbe potuto essere colpito alla testa. «È stato proprio lui a dirmelo – racconta il cacciatore – alla fine è andata ancora bene e l’ho ferito alle gambe. Ma era nascosto dietro un arbusto, non potevo vederlo». «Questo è un Ambito territoriale di caccia – interviene un altro cacciatore di Villa d’Adda – noi rispettiamo le regole e non capisco perchè queste persone possano venire a giocare in una zona in cui si caccia. Oltretutto ci eravamo già incontrati prima, avevano visto che c’erano dieci battute con i cani, avevamo deciso che noi saremmo andati in una direzione e loro nell’altra, invece poi sono tornati indietro».

© RIPRODUZIONE RISERVATA