Green pass, quando serve e quando no - Ecco cosa serve sapere

Green pass, quando serve e quando no - Ecco cosa serve sapere

Grazie al «Green pass», dal primo luglio ci si potrà spostare con maggiore facilità sia in Italia che all’estero. Ma il documento digitale, che rappresenta una sorta di passaporto vaccinale, potrà essere utilizzato anche per partecipare a manifestazioni, fiere ed eventi o andare in visita nelle Rsa.

Con la firma del Dpcm da parte del presidente del Consiglio, Mario Draghi, è arrivato il via libera al lasciapassare, che potrà essere richiesto da tutti coloro ai quali è stato somministrata la prima dose di vaccino da almeno 15 giorni, hanno completato il ciclo vaccinale, sono risultati negativi a un tampone molecolare o rapido nelle 48 ore precedenti, oppure sono guariti dal Covid-19. Si tratta di un’ottima notizia per i viaggi al di fuori dei confini nazionali, che dovevano sottostare ad una babele di regole, spesso difficili da comprendere e applicare, con innegabili vantaggi per tutto il comparto turistico.

Spostamenti interni

© RIPRODUZIONE RISERVATA