In 5 positivi dopo la vacanza in Grecia «I giovani siano prudenti, alta la guardia»
La tenda allestita all’ospedale di Seriate per eseguire i tamponi ai bergamaschi di ritorno dalle vacanze

In 5 positivi dopo la vacanza in Grecia
«I giovani siano prudenti, alta la guardia»

Non sono in gravi condizioni ed è quello che conta. Però il caso che vede coinvolti cinque ragazzi bergamaschi tornati dalle vacanze in Grecia dimostra che non bisogna abbassare la guardia.

Hanno 25, 27, 29, 31 e 33 anni, tutti positivi al coronavirus dopo il tampone eseguito una settimana fa all’ospedale di Seriate. Nelle ultime 48 ore tre di loro hanno iniziato ad accusare i sintomi classici della malattia: febbre alta, difficoltà respiratorie e tosse. Al momento non sembra essere necessario il ricovero in ospedale. Come tutti i contagiati in isolamento, sono seguiti da Ats e dai rispettivi medici di base. I protocolli dicono che anche i famigliari e i contatti stretti ora dovranno essere testati per accertare l’eventuale positività.

Una vicenda che dimostra quanto sia importante individuare subito i contagi e tracciare le persone venute in contatto per scongiurare la trasmissione del virus. Non è stato facile accedere subito al tampone, come spiega Gianbattista Brioschi, il presidente dell’assemblea del distretto Bergamo, che ha rivelato la vicenda in un post su Facebook. Proprio lui ha dato indicazioni a uno dei papà dei ragazzi per indirizzarli alla prenotazione dei test. Brioschi scrive che «una settimana fa un amico mi chiede se riesco a far ottenere il tampone a suo figlio e ai suoi quattro amici di rientro dalle vacanze in Grecia. Non riescono a contattare i numeri preposti per prenotare il tampone. Oggi a distanza di una settimana in cui il tampone è stato eseguito il mio amico mi ha comunicato ora che sono risultati tutti positivi e che suo figlio e altri due suoi amici hanno febbre alta tosse secca e persistente».

i.invernizzi
Isaia Invernizzi

Giornalista professionista, lavora a L’Eco di Bergamo dal 2016. Redattore della cronaca cittadina dal marzo 2019 dopo tre anni in redazione web. Amante dei dati in tutte le loro forme.

© RIPRODUZIONE RISERVATA