Italiani, popolo dipendente dal caffè Solo il 3% riesce a farne a meno

Italiani, popolo dipendente dal caffè
Solo il 3% riesce a farne a meno

Gli italiani, si sa, amano il caffè: solo il 3% ne fa a meno mentre il 97% lo beve - che sia espresso, americano, cappuccino o macchiato - una o più volte al giorno.

Tuttavia nel BelPaese i consumi sono in calo del 3,8% rispetto al 2014. E’ quanto emerge da un’indagine dell’Osservatorio DéLonghi alla vigilia della Giornata internazionale del caffè. Se in Italia i consumi sono in calo - prosegue l’indagine - nel mondo invece il caffè conquista estimatori (+2%) ed è diventato il secondo prodotto più commerciato dopo il petrolio. L’Europa si conferma il primo consumatore mondiale e l’Italia si classifica al nono posto per i consumi, con un valore pro capite annuo di 5,6kg.

In media gli italiani bevono circa quattro caffè al giorno, di cui solitamente due a casa, uno al bar e uno in ufficio, principalmente in tre momenti della giornata: colazione, metà mattina e fine pasto/cena. «Ma ci sono grandi differenze tra i modi di consumo – afferma Gabriella Baiguera, una tra le massime esperte di caffè italiana - Nel Nord Italia, ad esempio, si bevono per lo più l’espresso nelle versioni normale, lungo o ristretto e per la maggior parte zuccherato. Se macchiato la preferenza si orienta sul latte caldo o con latte e cacao (marocchino) in vetro. D’estate al Nord si scelgono espresso shakerato con zucchero o con liquore alla vaniglia o amaretto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA