Pasotti sulle orme di Gigi Proietti Direttore artistico allo Stabile d’Abruzzo

Pasotti sulle orme di Gigi Proietti
Direttore artistico allo Stabile d’Abruzzo

L’attore e regista bergamasco è stato scelto come direttore artistico del prestigioso Teatro a L’Aquila. «Produzioni di livello e dialogo con le realtà culturali».

Lanciando la notizia della nomina dell’attore e regista bergamasco Giorgio Pasotti a direttore artistico del Tsa – Teatro Stabile d’Abruzzo, sottolineavamo il coraggio che Giorgio Pasotti dimostra di avere accettando un incarico così prestigioso, ma anche impegnativo, in un momento in cui, permanendo l’emergenza sanitaria, i teatri sono chiusi. Ma è proprio in questi momenti che si deve seminare per raccogliere i frutti in un futuro, speriamo, non troppo lontano. E che le cose stiano proprio così lo ha dichiarato lo stesso Pasotti nella conferenza stampa di presentazione della sua nuova avventura, nella quale ha rivendicato la volontà di «alzare l’asticella», per riportare lo Stabile dell’Aquila ai livelli della direzione dell’indimenticato Gigi Proietti che, nel 1988, fu nominato direttore dell’Ente che da Stabile dell’Aquila diventava regionale.

«Fu – ricordano in teatro - una stagione impegnativa per lo Stabile ma la sua sicurezza guidò con ottimismo al risanamento del Tsa e alla sua crescita nel territorio con spettacoli agili e rappresentabili ovunque. Ancora, il suo carisma portò alla legge per l’istituzione del Teatro Regionale d’Abruzzo, si dimise prima della scadenza del mandato ma continuò a seguirne le vicende fino all’anno 2000 quando divenne Presidente del nuovo Teatro Stabile d’Abruzzo, Ente Teatrale Regionale».

© RIPRODUZIONE RISERVATA