Piazza Brembana, la maxi sagra della mela non ci sarà: «Troppe responsabilità»
Una delle passate edizioni

Piazza Brembana, la maxi sagra della mela non ci sarà: «Troppe responsabilità»

I frutticoltori: «Per organizzare servono supporto logistico e contributi». Il vicesindaco: abbiamo dato tutto quanto ci è stato chiesto, nel 2019 abbiamo raddoppiato.

Piazza Brembana perde la sagra della mela, quello che da dieci anni - l’ultima edizione era del 2019, lo scorso anno lo stop causa Covid - era diventato uno degli eventi, se non l’appuntamento di maggiore richiamo per l’alta Valle Brembana. Capace di attirare nelle edizioni baciate dal bel tempo anche diecimila visitatori e più, un po’ da tutta la provincia. L’Associazione brembana dei frutticoltori (Afavb) ha gettato la spugna. La decisione nell’ultima riunione del direttivo, guidato ancora da Pinuccio Gianati, rieletto per i prossimi tre anni presidente del gruppo che conta 168 soci in tutta la Valle Brembana ma anche nella Bassa. Un sodalizio nato ufficialmente nel 2007 ma che affonda solide radici nell’avventura iniziata dall’allora sindaco di Moio de’ Calvi Davide Calvi, nel 1992.

© RIPRODUZIONE RISERVATA