«QR code anche ai minori» Ryanair lascia a terra 30 persone

«QR code anche ai minori»
Ryanair lascia a terra 30 persone

Caos giovedì 23 luglio prima del volo Orio-Atene: al gate arriva la polizia. «Informazioni discordanti con il sito greco».

Una trentina di passeggeri non si sono potuti imbarcare sul volo diretto ad Atene ieri mattina (giovedì 23 luglio) a Orio, perché Ryanair ha ritenuto irregolare il codice a barre «QR» che alcuni di loro avevano cumulativo per genitori e minorenni, sostenendo che anche i bambini i e comunque tutti i passeggeri al di sotto dei 18 anni dovessero avere un loro specifico codice, che la Grecia richiede quale obbligatorio (pena una multa di 500 euro a testa) per l’accesso sul territorio nazionale in questo periodo di ripartenza post Covid

«Avevo compilato il form online – spiega Saul Stucchi, un passeggero brianzolo rimasto a terra ieri mattina –, richiedendo e ottenendo un codice per mia moglie e uno cumulativo per me e mio figlio. Ma al gate l’addetta di Ryanair non lo ha accettato , benché sul sito greco fosse specificato in maniera chiara che i minorenni non devono avere un loro singolo codice e dunque noi eravamo in regola». Niente da fare, però, per la famiglia e tante altre, tra cui tra l’altro anche alcuni cittadini greci, una coppia milanese con due figli e altri che invece non avevano proprio chiesto il codice 24 ore prima della partenza». Al gate si è creata un po’ di confusione, tanto che è dovuta intervenire la polizia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA