Il Papa scompagina le logiche corte
Papa Francesco

Il Papa scompagina
le logiche corte

È il sussidiario del Pontificato, ma anche la bussola per la rotta giusta. La terza enciclica di Papa Francesco è una sintesi organica quasi che ci fosse bisogno di fermarsi per mettere ordine, per riprendere il filo, per osservare di nuovo i dati oggettivi con intelligenza, evitando che qualcuno scivoli nell’oblio, e offrire insieme un criterio di lettura. Il Papa ha solo parole e su esse lavora come un artigiano per ricomporre una narrazione e un impegno di fronte a un mondo che va in frantumi e che lui invece cocciutamente si ostina a ricomporre in modo nuovo, con una logica che scompagina le logiche corte, dove quello che non è proibito è permesso, dove il desiderio di pochi travolge la volontà di molti e chi rimane indietro può al massimo consolarsi con l’elemosina e l’eventuale buona volontà di alcuni. Molte cose le aveva già scritte nella Laudato si’. Ma evidentemente l’insegnamento non è stato accolto. C’è chi lo ha inteso come un manifesto ecologista del solito Francesco che «non parla abbastanza di Dio».

C’è chi ne ha estorto frasi dal contesto felice delle sue analisi progressiste o al contrario rattristato per il magistero di un Papa negazionista della fulgida tradizione della Chiesa fino ad accusarlo di inciampare nello scisma. Le citazioni della Laudato si’ sono ben 172 e 50 quelle dalla Lumen Fidae, la sua prima enciclica. Non si abbia timore della lunghezza (287 paragrafi divisi in 8 capitoli), la lettura è scorrevole, la narrazione dei guai del mondo e le soluzioni chiare e profonde. Per capire Francesco e il suo Pontificato, per comprendere la continuità con il magistero dei suoi predecessori è una lettura cruciale. Bergoglio ha deciso di assumersi una grande responsabilità, trasformando e sviluppando il ragionamento sulla fratellanza contenuto nel documento di Abu Dhabi.

Anche quelle furono parole poco considerate, quasi fossero il frutto di un colpo di testa, relegate nel perimetro del dialogo interreligioso tra cristianesimo e islam, che a molti non piace anzi appare blasfemo per la dottrina cattolica. Oggi quel ragionamento diventa magistero e il concetto di fraternità, caro alla Rivoluzione francese accanto alla libertà e all’uguaglianza e cancellato dall’ordine post-rivoluzionario giacché troppo ingombrante, impegnativo e appunto rivoluzionario, rimesso al centro dell’attenzione da un Papa non per puro spirito romantico, non per lucidare un mito stravagante, ma per indicare ciò con cui intrecciare una nuova cultura politica, economica e sociale e una nuova responsabilità personale e istituzionale. L’enciclica non è una critica agli stili di vita.

© RIPRODUZIONE RISERVATA