Renzi vuole più spazio Governo paralizzato

Renzi vuole più spazio
Governo paralizzato

Finora non si era mai sentito definire «maleducata» l’opposizione. Né «assenza ingiustificata» è mai stato detto dell’assenza polemica dei ministri di un partito da una riunione del governo. È però questo il vocabolario che Giuseppe Conte ha sfogliato alla ricerca degli epiteti più urticanti da sbattere in faccia a Matteo Renzi e all’equipaggio del suo vascello pirata ancora all’assalto della flotta della maggioranza.

A Renzi e ai suoi non va giù la riforma della prescrizione targata Bonafede, non va giù il «lodo Conte» che la modificava in parte e nemmeno va giù il «lodo Conte bis» che da ultimo la cambia ancora un po’. Niente da fare: se si prosegue su questa strada, dopo che la maggioranza in aula ha bocciato la sua richiesta di rinviare tutto di un anno, Renzi si è messo sul piede di guerra: minaccia voti contrari e mozioni di sfiducia al Guardasigilli. Opposizione «maleducata», dice appunto Conte che così - forse involontariamente, forse no - spinge un gruppo di senatori e deputati fuori del recinto di maggioranza, facendo finta di non sapere che, senza quei voti almeno al Senato, il governo cade e non si rialza più.


© RIPRODUZIONE RISERVATA