Orecchie mutilate     Una «moda» pericolosa

Orecchie mutilate
Una «moda» pericolosa

È una notizia sconcertante: in Gran Bretagna, nonostante il divieto imposto dalla legge, è esplosa la moda di acquistare cuccioli, per la maggiore di tipo bull con le orecchie mutilate.

Come riportato dal sito www.quotidiano.net, sono già numerosi i personaggi famosi (attori, calciatori ecc.) che pubblicano sui social foto in cui si ritraggono insieme ai loro cani con le orecchie tagliate. Ancora peggio, grazie ad una indagine condotta dalla BBC, è emerso che non sono pochi gli allevatori che si rendono disponibili ad effettuare tale pratica utilizzando un escamotage che consiste nel produrre falsi documenti attestanti che la mutilazione è stata fatta in paesi in cui la stessa è legale, come ha dimostrato un giornalista dell’ente televisivo inglese, che sotto copertura ha contattato un allevatore che gli ha proposto per l’esorbitante cifra di circa 15.000 euro (13.000 sterline), l’acquisto di un cucciolo con tanto di microchip e documenti falsi. Un secondo allevatore si è persino offerto di praticare egli stesso la mutilazione, oltre che di fornire i documenti falsi.

Auspichiamo che tale «moda» non inizi a prendere piede anche nel nostro paese dove tra l’altro, come nel Regno Unito, la mutilazione a scopo estetico (delle orecchie ma anche della coda) è vietata da diversi anni. Oltre ai potenziali danni per la salute, ricordiamo che i cani utilizzano normalmente orecchie e coda per comunicare, sia con i loro simili che con noi: procedendo con la mutilazione viene meno la loro capacità di farlo, cosa che potrebbe portare a pericolose «incomprensioni» e all’insorgere di notevoli problemi comportamentali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA