Notte bianca dedicata a Bach A Lallio a settembre affermati solisti
Tra gli artisti della serata anche Tino Tracanna

Notte bianca dedicata a Bach
A Lallio a settembre affermati solisti

Il 3 settembre una maratona organistica (con incursioni di jazz e poesia)
per festeggiare il grande compositore che attraversa i secoli indenne a qualsiasi moda.

È difficile pensare alla musica, anche a quella nata in epoca recente, senza ipotizzare la presenza, più o meno in maniera sotterranea, di uno dei suoi artefici più imprescindibili. Un compositore che ha lasciato in eredità ai posteri un enorme patrimonio di note create con millimetrica esattezza, oltre che con assoluta devozione e trasparenza. Sì, perché Johann Sebastian Bach (Eisenach 1685 - Lipsia 1750) è uno di quei maestri senza tempo, figlio dell’illuminismo razionalista ma proiettato in una dimensione sovratemporale, che sembra attraversare i secoli senza ammaccatura alcuna, piuttosto con rinnovato slancio, indenne a qualsiasi moda o altra effimera tendenza passeggera.

In questa atmosfera di ossequiosa ammirazione è nata l’iniziativa «per Bach! – Notte bianca in compagnia della musica di Jo. Seba.», in programma giovedì 3 settembre, con inizio alle ore 19,15, nella chiesa arcipresbiterale dei SS. Bartolomeo e Stefano di Lallio . Si tratta di una vera e propria maratona organistica, con la partecipazione di affermati solisti che negli anni passati hanno preso parte a precedenti edizioni della rassegna concertistica «Box Organi. Suoni e parole d’autore», nata nel 2015 con l’intento di valorizzare le potenzialità dell’organo Bossi Urbani 1889. Promossa dalla Parrocchia in collaborazione con l’Associazione Libera Musica, la kermesse si avvale della direzione artistica di Alessandro Bottelli e alternerà esecuzioni di celebri pagine organistiche originali, come la «Passacaglia in do minore» o la «Toccata e fuga in re minore», la «Toccata Adagio e Fuga in do maggiore» o la «Pastorale», a brani del vasto repertorio successivo ispirati a temi bachiani e addirittura a due nuove creazioni in prima assoluta nell’interpretazione di Giancarlo Parodi, Fausto Caporali, Ivan Ronda, Manuel Tomadin, Roberto Olzer, Riccardo Castagnetti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA