Svolta digitale per il Museo della Cattedrale, da  venerdì 30 aprile riapre al pubblico
Il virtuale trasporta il visitatore nell’«infinito cantiere» della Cattedrale

Svolta digitale per il Museo della Cattedrale, da venerdì 30 aprile riapre al pubblico

Giovanni Berera: «Ci siamo chiesti come potevamo aiutare il pubblico a comprendere un sito archeologico, a immaginare le sue evoluzioni nei secoli». Si riparte con visite guidate, da prenotare un giorno prima nel weekend.

Svolta digitale per il Museo e Tesoro della Cattedrale, che da venerdì riapre al pubblico con un racconto ancor più ricco. «Ci siamo chiesti come aiutare il pubblico a comprendere un sito archeologico, a leggere e immaginare le sue evoluzioni nel corso dei secoli» – spiega Giovanni Berera, coordinatore dei Dipartimenti Educativi della Fondazione Bernareggi. «Abbiamo dunque messo in campo un percorso di accessibilità e valorizzazione del museo in chiave digitale, che riesca a comunicare in maniera accessibile ed efficace le storie che hanno caratterizzato questo luogo».

Il progetto è realizzato dalla Fondazione con il coordinamento della digital agency 2caffè e con la collaborazione di Tooteko, start up che opera sui temi dell’inclusione museale, e si è avvalso della consulenza scientifica di Saverio Lomartire, docente di archeologia medievale, e dell’arch. Giovanni Tortelli, che nel 2012 aveva seguito la musealizzazione dello scavo. Parliamo dunque di multimedialità applicata all’archeologia, nella consapevolezza che un sito come quello della Cattedrale parla «più di assenze che di presenze», chiedendo ai visitatori un grande sforzo immaginazione per visualizzare le tre fasi storico-architettoniche della sua evoluzione in quasi duemila anni di storia, dalle domus di epoca romana alla Cattedrale paleocristiana di San Vincenzo e alla successiva Cattedrale romanica, avvolte nella ricostruzione rinascimentale dell’architetto Filarete.

journalist_account_61
Barbara Mazzoleni

Giornalista e progettista culturale, con passione per l’esplorazione  del pianeta dell’arte a 360 gradi. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA