Perdere peso fa male al Covid Rischi più bassi di casi gravi
Un tipico pranzo ipercalorico (Foto by Photo by Christopher Williams on Unsplash)

Perdere peso fa male al Covid
Rischi più bassi di casi gravi

Lo studio realizzato dall’équipe del «Centro di Chirurgia dell’obesità» del Policlinico San Marco di Zingonia, ha coinvolto oltre duemila pazienti.

La chirurgia bariatrica e la conseguente perdita di peso ridurrebbero significativamente il rischio di gravi conseguenze legate all’infezione da Covid 19. A suggerirlo è un nuovo studio realizzato dall’equipe del Centro di Chirurgia dell’Obesità del Policlinico San Marco di Zingonia – centro di eccellenza Sicob (Società Italiana di Chirurgia dell’Obesità e delle Malattie Mataboliche) tra i più importanti in Italia per casistica e risultati, appena pubblicato sulla rivista scientifica internazionale «Obesity Surgery», la più autorevole e prestigiosa in questo ambito.

«Covid-19 and Obesity: Is Bariatric Surgery Protective? Retrospective Analysis on 2145 Patients Undergone Bariatric-Metabolic Surgery from High Volume Center in Italy (Lombardy)» – questo il titolo dello studio – ha avuto come obiettivo investigare l’incidenza e le conseguenze dell’infezione da Covid 19 in oltre 2.000 pazienti sottoposti a chirurgia bariatrica. «Come evidenziato da diverse ricerche - sottolinea il dottor Stefano Olmi, responsabile dell’Unità di chirurgia generale e oncologica e del Centro di chirurgia dell’obesità del Policlinico San Marco - l’obesità rappresenta un potenziale fattore di rischio in caso di infezione da Covid 19 e i pazienti obesi richiedono quindi una maggiore vigilanza, una priorità nell’effettuazione di test per la diagnosi di Covid e una terapia più aggressiva . La maggiore fragilità dei pazienti obesi, in particolare nei confronti dell’infezione da Covid 19, deriva da una ridotta elasticità della parete toracica e da una minore efficienza del sistema respiratorio che - come si sa - è un aspetto fondamentale almeno nella prima fase dell’infezione. Ci sono poi anche dati emergenti che indicano che l’obesità è un predittore indipendente di ricovero in unità di terapia intensiva, ventilazione meccanica e morte. Inoltre in un recente studio su un’ampia coorte di pazienti Covid 19 a New York, l’obesità è risultata essere una delle comorbidità associate più comuni nei pazienti ospedalizzati». Da qui l’idea di analizzare - di contro - come invece la perdita importante di peso conseguente alla chirurgia bariatrica potesse influire sulla risposta dei pazienti, anche in termini di complicanze, a un’eventuale infezione da Covid 19.

© RIPRODUZIONE RISERVATA