A casa col Covid, nasce un’idea: «Briciole» per aiutare i bambini del Nepal

Rovetta Anna Visinoni dall’inizio dell’anno ha realizzato 400 bamboline in tessuto: il ricavato va al Kalika Hospital. «Il Covid mi aveva colpita per la seconda volta – racconta la 58enne – così è nata l’idea di fare qualcosa per gli altri, che fosse utile».

A casa col Covid, nasce un’idea: «Briciole» per aiutare i bambini del Nepal
Una delle bamboline realizzate

Una pausa forzata, tra quattro mura, e l’idea di dare vita a un progetto solidale. Sono i primi mesi del 2022 e Anna Visinoni, 58 anni di Rovetta, operatrice socio-sanitaria all’ospedale di Piario, contrae il Covid e, rinchiusa in una stanza, decide di combattere l’ozio dando vita a «Briciole» , piccole bamboline realizzate con ago, filo, lana e scampoli di tessuto, il cui ricavato è interamente devoluto al Kalika Family Hospital nel nord-ovest del Nepal, voluto dal compianto Mario Merelli e dall’amico alpinista Marco Zaffaroni, in uno dei luoghi più poveri del pianeta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA