Martedì 15 Settembre 2009

Serata alla scoperta
dei formaggi orobici

Otto riconoscimenti «Dop», lavorazioni di qualità ad alta quota, un intreccio di sapori e profumi che pone la nostra provinica ai primi posti in Italia: i formaggi orobici rappresentano una vera ricchezza per il territorio. A questi prodotti caseari la Sottosezione Cai di Trescore, in sinergia con Agripromo Bergamo, dedica il convegno «Una Montagna di Formaggi».

L'appuntamento è per venerdì 18 settembre presso le Fattorie Suardi a Trescore Balneario, con inizio alle 20.45. “L’incontro – spiega Giuseppe Mutti, presidente della Sottosezione Cai di Trescore – vuole essere un giusto riconoscimento all’impegno e all’operosità dei nostri produttori, che con i loro squisiti formaggi continuano a far conoscere e a valorizzare il nostro territorio non solo a livello nazionale, ma anche all’estero».

Con le sue otto Dop, la Provincia di Bergamo è leader a livello nazionale nel settore lattiero caseario. Accanto ai formaggi che hanno ottenuto la Denominazione di Origine Protetta, figurano altri numerosi prodotti caratteristici delle zone di lavorazione sia della montagna che della pianura. «Una produzione di altissimo livello – evidenzia Carlo Mangoni, presidente di Agripromo – frutto del notevole impegno che i produttori infondono nel loro lavoro e nel rigido rispetto delle più antiche tradizioni rurali del territorio bergamasco».

I lavori verranno aperti da Giuseppe Mutti, presidente della Sottosezione Cai di Trescore, da Paolo Valoti, presidente della Sezione Cai di Bergamo, e da Carlo Mangoni, presidente di Agripromo. A seguire le relazioni di Bruno Martinelli, esperto Onaf, e di Giuseppe Stefanelli, docente dell’Istituto Agrario di Bergamo. Le realtà vitivinicole e casearie bergamasche verranno invece illustrate dal conte Bonaventura Grumelli Pedrocca, presidente del Consorzio Tutela Valcalepio, e da Claudio Paleni, presidente del Consorzio Tutela Formaggio Branzi.

Al termine, dopo gli interventi del pubblico, si svolgerà una degustazione di formaggi abbinati a vini Valcalepio.

f.morandi

© riproduzione riservata