Lunedì 17 Febbraio 2014

Casnigo, spettacoli al Teatro Fratellanza

Partita la rassegna «Ludendo Docet»

Ha preso il via la rassegna teatrale «Ludendo Docet», organizzata a Casnigo dall’Associazione Teatro Fratellanza

Una prova…d’amore e di maturità. Ha preso il via la rassegna teatrale «Ludendo Docet», organizzata a Casnigo dall’Associazione Teatro Fratellanza, che è partita con un inedito ciclo di spettacoli con un nuovo assetto. Da inizio anno si è infatti interrotta la collaborazione artistica fra la realtà casnighese, presieduta da Romano Pezzani, e l’istrionico direttore artistico Piero Marcellini, cui va sicuramente il merito di aver riacceso in Val Gandino una tradizione artistica che vanta un notevole passato.

La cornice stessa del Teatro Fratellanza in via Trento (dove sino al 29 marzo si terranno sei diversi spettacoli) è un richiamo alla storia locale e Bergamasca, dato che l’edificio fu casa natale di Giuseppe Bonandrini, medico e poeta, Duca di Piazza Pontida con il titolo di Pichetù Prim.

Dopo San Valentino, il secondo appuntamento è in programma di sabato 1° marzo, quando toccherà a «Il Sergente nella neve …e altre storie». Uno recital di e con Antonio Russo, tutto dedicato a Mario Rigoni Stern e al suo racconto della ritirata di Russia, con la partecipazione e il patrocinio del Coro Voci Orobiche, che ha di recente festeggiato i 30 anni di attività. Domenica 9 marzo (in occasione della Festa della Donna), il Teatro d’Occasione di Bergamo proporrà «Anna Cappelli», con l’attrice Donatella Miracolo impegnata nel monologo drammatico di Annibale Ruccello grazie alla regia di Guido Contini.

Dal 15 al 29 marzo tre serate saranno dedicate al teatro dialettale, rinnovando l’apprezzata rassegna «Quàter gregnade al Circol» che negli ultimi anni ha avuto ottimi riscontri di pubblico. Si partirà con la Compagnia Genzianella di Gorno, protagonista di «Quando ol pir l’è marüt» tradotta dall’opera di Augusto Novelli. Il 22 marzo toccherà al Gruppo Teatro 2000 di Torre Boldone con «Codegocc & C.»opera in tre atti di Antonella Zucchini, mentre a chiudere l’intera rassegna sarà il 29 marzo «L’Anetì di bei risulì» di Renzo Avogadri, proposta dalla Compagnia stabile «Città di Albino». Tutti gli spettacoli sono ad ingresso libero. Per informazioni sono disponibili i numeri 035.740286 e 328.2179577.

© riproduzione riservata