Domenica caccia al Tes.Orto
Ad Astino, aspettando l’Expo...

È ormai imminente la realizzazione di una nuova sezione dell’Orto Botanico di Bergamo nella Valle D’Astino, 9.000 metri quadri di terreno a monte del monastero nei campi di proprietà della Fondazione Mia.

Domenica caccia al Tes.Orto Ad Astino, aspettando l’Expo...

Un progetto che sarà l’occasione per lasciare un segno tangibile e duraturo di Expo 2015 anche nel territorio della città di Bergamo, cogliendo a pieno le valenze positive insite nei concetti sottesi da «Nutrire il pianeta/Energia per la vita». La sezione dell’Orto Botanico, ideata per valorizzare l’unicità del luogo e per comunicare la biodiversità, mira a coinvolgere un ampio numero di persone affinché partecipino direttamente e volontariamente già in alcune fasi di costruzione.

Ecco allora nascere il progetto partecipativo Ada – A Disposizione dell’Allegrezza (dal nome della via che costeggia la nuova futura sezione dell’Orto): domenica 22 febbraio ci sarà il primo di una serie di appuntamenti dove l’entusiasmo, la fatica del lavoro, il piacere della manualità, del contatto con la terra, con le piante, con le persone si fonderanno con l’obiettivo di coinvolgere i cittadini nel costruirsi e nel farsi dell’Orto botanico.

Il primo appuntamento, denominato Caccia al Tes.Orto, prevede che si possano piantare arbusti in riposo vegetativo, dialogare sul progetto dell’Orto stesso, costruire opere vive di diversa forma e dimensione con rami di salice, come aree gioco, aiuole di coltivazione ed altri elementi di bellezza artistica e funzionale, ma anche giocare imparando sul tema delle piante alimentari, dai nostri piatti preferiti alla stagionalità delle colture con gli operatori didattici dell’Orto Botanico.

I collaboratori dell’Orto Botanico, l’associazione «Pezzediterra», l’associazione «La Scatola dell’Idee» hanno cooperato per allargare l’invito agli abitanti di Longuelo e ad altre associazioni cittadine per avere un ampia partecipazione all’esplorazione giocosa di uno spazio in costruzione, per iniziare a conoscere e a vivere, a fare e adottare l’imminente Orto botanico di Astino, mescolando attività ludica ed abilità agricola.

«Il progetto Ada – spiega l’ideatrice, la paesaggista Paola Innocenti – e in particolare l’appuntamento 0.1 - Caccia al Tes.Orto, primo vero incontro sul campo ad Astino, mira ad informare, coinvolgere ed augurare la buona riuscita dei lavori per la realizzazione della nuova sezione dell’Orto Botanico ad Astino. Il progetto si ispira alla metodologia hands on, che sta alla base del Progetto Est «Educare alla Scienza ed alla Tecnologia», di cui l’Orto Botanico di Bergamo è partner, per stimolare un efficace processo di apprendimento di tipo creativo: imparare, toccare, manipolare, augurandoci la partecipazione futura, l’apprendimento e la prevenzione sensibile del vandalismo».

«La sezione ad Astino – spiega Gabriele Rinaldi, direttore dell’Orto Botanico «Lorenzo Rota» – sarà dedicata prevalentemente alle piante alimentari e avrà un carattere di unicità a livello nazionale. Deve offrire risposte ad una domanda semplice: di quali piante si nutre l’Uomo sul Pianeta? In estrema sintesi sarà un contesto museale vivente, un centro di educazione e sperimentazione, un luogo di collezioni botaniche denso di preziosità, uno spazio per eventi culturali. Sarà un Orto Botanico relazionale con un forte radicamento territoriale ed al contempo stabilirà connessioni allargate, orientando le attività alla partecipazione, all’interattività, al coinvolgimento performativo e in grado di lavorare in rete. La sezione nasce sulla base di un progetto culturale, architettonico e paesaggistico, ma il suo carattere si plasmerà nell’interazione tra i fruitori già durante le fasi di realizzazione, per diventare uno spazio di socialità e di partecipazione attiva».

Quattro tappe esperienziali porteranno i partecipanti a scoprire piante importanti già presenti, come il grande pero, la rosa canina, lo spino di giuda, ad aiutare Federico F. nella realizzazione di strutture verdi come il riparo in salice e le aiuole in viminata, a vangare e zappare nei cassoni già realizzati, a regolare con le proprie cesoie le siepi campestri, a piantare arbusti forniti dal vivaio Ersaf di Curno all’Orto Botanico di Colle Aperto, a parlare di piante alimentari, a ricercare la sorgente ed altro ancora. Le iscrizioni si apriranno dalle 14 alle 14,30, dalle 14,30 alle 15, l’ntroduzione a cura del direttore dell’Orto Botanico e degli organizzatori, alle 15 l’inizio della Caccia al Tes.Orto e alle 16,30 la merenda. La partecipazione libera e gratuita

© RIPRODUZIONE RISERVATA