Natura mozzafiato sul Monte Arera
Due giorni fra stelle, sapori e farfalle

Il Monte Arera come mai visto. Due giorni e una notte per immergersi nella natura mozzafiato di uno dei più importanti santuari della biodiversità dell’arco alpino, sabato 1 e domenica 2 agosto, quando la rassegna Parco Vivo 2015, pensata dal Parco delle Orobie bergamasche per riscoprire le bellezze locali, farà tappa proprio sui suoi crinali.

Natura mozzafiato sul Monte Arera Due giorni fra stelle, sapori e farfalle

Dopo il ritrovo, sabato alle ore 18, presso il rifugio Capanna 2000 (raggiungibile dalla località Plassa Arera, da Valcanale, salendo dal Rifugio Alpe Corte fino al Lago Branchino, oppure da Roncobello), in cui si terrà una presentazione, seguita dalla cena a base di prodotti tipici locali, gli occhi saranno tutti puntati sulla magia delle farfalle notturne. Per scorgerle meglio, al sopraggiungere del buio, gli esperti del Museo di Scienze Naturali «E. Caffi» di Bergamo stenderanno e illumineranno dei teli bianchi che renderanno ancora più emozionante la serata.

Il tutto, in attesa del sorgere del sole, quando, dopo la colazione, il gruppo si incamminerà lungo il Sentiero dei Fiori e delle Farfalle dove sarà possibile osservare le piante rare, le numerose specie di lepidotteri diurni ed altri invertebrati che popolano quest’interessantissima riserva della biodiversità. Una full immersion nella natura, dunque, per un fine settimana da trascorre, come giovani marmotte, nell’habitat prediletto di specie animali e vegetali esclusive del territorio orobico.

La partecipazione all’evento è a numero chiuso con prenotazione obbligatoria entro venerdì 31 luglio rivolgendosi direttamente al rifugio Capanna 2000: tel. 0345.95096 - Cell. 339.6986367.

Per informazioni: Parco delle Orobie [email protected] - Tel. 035.224249.

© RIPRODUZIONE RISERVATA