Pane significa solidarietà Un progetto natalizio con l’Aeper

Pane significa solidarietà
Un progetto natalizio con l’Aeper

Un progetto che può raccontare Aeper e rappresentare le linee guida di un lavoro fatto sul territorio che parla di inclusione di persone con svantaggio (e specificamente con svantaggio psichico), di capacità di produrre cose belle e buone a partire dalla fragilità, di lavoro come opportunità di crescita, il senso del bello che diventa utile nei gesti di tutti i giorni.

«Contaminati dall’idea del 2015 del cibo “buono e semplice” abbiamo tradotto le nostre idee in oggetti» spiegano dall’associazione. Durante il 2015 il Gruppo Aeper si è dedicato alla campagna di sensibilizzazione sul disagio psichico #iosonogiacomo: è nata di conseguenza l’idea di declinare la raccolta fondi natalizia sul tema della salute mentale.

L’idea consiste nel donare un oggetto prodotto presso il nostro Centro Diurno «Cordata» dove ogni giorno persone con disagio psichico spendono il loro tempo in un percorso terapeutico e socializzante. Da qui l’idea del legno, uno dei materiali che vengono utilizzati per produrre oggetti di vario tipo all’interno del centro diurno.

Sono nati due disegni: un tagliere a forma di stella e una cassetta a base quadrata, entrambi utili ad accompagnare gli ingredienti necessari per fare uno degli alimenti più semplici e buoni della nostra tradizione alimentare: il pane. Che è nutrimento primario ed essenziale, semplice dei suoi pochi ingredienti: racchiude in sé la magia del calore che nasce nella terra trasformandosi in nutrimento. Il pane alimento per tutti e di tutti. Pane che si spezza, che si condivide, che accompagna.

Per fare il pane ecco allora gli ingredienti: «Abbiamo scelto Iris per la farina del nostro pane di Natale perché è una realtà che declina le proprie scelte imprenditoriali nel rispetto della natura e dei suoi ritmi e nella ricerca di un contatto diretto e autentico con i propri clienti - spiegano da Aeper -. Iris fornisce le reti dei Gas di gran parte del territorio del Nord Italia ponendo attenzione alla qualità dei propri grani. La partnership stretta con questa azienda troverà formulazione in una promozione reciproca del prodotto, che avrà infatti visibilità sui i siti di entrambe le realtà e sulla newsletter che Iris invia mensilmente ai propri contatti».

Oltre alla farina nella confezioni si trovano altri due ingredienti biologici: i semi di girasole, lino e zucca (ECOR), e il lievito madre secco (Molino Rosso). In alcune delle versioni del regalo è possibile anche aggiungere il miele del nostro agriturismo La Pèta. Sarà possibile aggiungere «Pane», il libro di Edizioni Gruppo Aeper che raccoglie testi e suggestioni.


© RIPRODUZIONE RISERVATA