Street food in piazzale Alpini - foto Dalle 10.30 all’una, senza sosta
Alla scoperta di nuovi saporti (Foto by (Foto Yuri Colleoni))

Street food in piazzale Alpini - foto
Dalle 10.30 all’una, senza sosta

Cosa bolle in pentola in piazzale Alpini? La milza per farcire il panino come si mangia in Sicilia e i pizzoccheri, quelli della Valtellina. E poi la carne alla brace come la si cucina in Brasile o gli hamburger made in Usa.

Un concentrato delle cucine del mondo, dal Sudamerica al Belpaese, è arrivato sul piazzale a due passi dalla stazione, location individuata da Mo.di per la prima di «HopHop streetfood» un evento mangereccio che va in scena da oggi fino a domenica. In strada circa 25 cucine provenienti da tutta Italia e dal mondo, che ai bergamaschi propongono le loro specialità, tutte da gustare.

C’è la cucina peruviana, un truck con specialità spagnole, tra cui le tapas e altre specialità dal mondo. Una buona rappresentanza anche dall’Italia con gli arrosticini dall’Abruzzo, le cime di rapa dalla Puglia, i cannoli e gli arancini dalla Sicilia, la «raspadura», formaggio raspato in foglioline, una specialità lombarda.

La parola d’ordine è cibo da strada, cucina semplice e della tradizione, con chicche enogastronomiche servite dal classico gazebo, dai «truck» (veri e propri camioncini pieni zeppi di prelibatezze) e dalle biciclette, «come nel caso delle crépes» spiega Simone Monzo della Mo.di, organizzatore di «Hop Hop street food».

«È la prima edizione in assoluto, siamo una squadra di giovani trentenni di Monza, ci piace mangiare con questa formula - racconta Simone -. Con Expo abbiamo visto che è un settore che piace anche alla gente, è molto in voga, per questo abbiamo deciso di aprire un’attività che riguardasse solo lo street food. Abbiamo scelto Bergamo come prima tappa perché è una città che ci piace molto».

L’appuntamento è in piazzale Alpini fino a domenica. Gli stand aprono alle 10,30 e chiudono all’1 di notte, con degustazioni no stop. Per essere aggiornati su cosa bolle in pentola, gli organizzatori consigliano di dare un occhio alla pagina Facebook «Hop Hop street food».


© RIPRODUZIONE RISERVATA