Doppia tragedia sulle strade Ambria e Alzano piangono Anna e Marzio
L’incidente all’altezza di Mantova

Doppia tragedia sulle strade
Ambria e Alzano piangono Anna e Marzio

Un cinquantenne di Alzano ha perso la vita in un incidente lungo l’autostrada del Brennero. A Zogno una donna di Ambria, panettiera e volontaria Cri, è morta nello scontro tra la sua utilitaria e un camion.

Un’altra giornata di sangue sulle strade.Martedì due le vittime in incidenti accaduti nell’arco di quattro ore, a molti chilometri di distanza ma accomunati dal coinvolgimento di mezzi pesanti. Il primo si è verificato nel Mantovano sull’autostrada A22 del Brennero: Marzio Zanini, cinquantenne di Alzano, alla guida di un Fiat Ducato ha perso la vita tamponando un camion che aveva rallentato a causa di un altro incidente.

Verso le 18, invece, a Zogno, Anna Quadri, 61 anni di Ambria, è morta nello scontro della sua utilitaria con un camion in via Acquada, la strada che unisce la località Camanghé alla frazione dove viveva la donna, che gestiva un panificio ed era un’attiva volontaria della Croce rossa.

Anna Quadri

Anna Quadri

Stando ad una prima ricostruzione, la sessantunenne stava viaggiando al volante della sua Panda nera in direzione di Camanghé, quando forse per un malore è andata a finire contro la ruota posteriore di un mezzo pesante, che proveniva in senso contrario. L’impatto avrebbe fatto carambolare l’utilitaria finché non è andata a fermarsi contro il guardrail, che delimita la carreggiata a valle.

Marzio Zanini

Marzio Zanini

Un altro tragico incidente ha provocato la morte di Marzio Zanini, cinquantenne di Alzano Lombardo. L’uomo, che viaggiava spesso per lavoro, stava rientrando da un cantiere a Firenze, quando all’altezza di Pegognaga (in provincia di Mantova), sull’autostrada del Brennero, il suo Fiat Ducato ha tamponato un camion che aveva rallentato per un altro incidente. Anche per lui, purtroppo, non c’è stato nulla da fare: la notizia dell’accaduto ha suscitato profondo cordoglio in Valle Seriana.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 26 ottobre

© RIPRODUZIONE RISERVATA