Alzano al voto: dopo la bufera si preparano tre liste
Palazzo Pelliccioli, sede del Comune di Alzano

Alzano al voto: dopo la bufera
si preparano tre liste

L’ex sindaco Annalisa Nowak ha fondato un’associazione e si prepara a ricandidarsi. Anche l’associazione «Gente in Comune» che la sosteneva alle scorse elezioni è in campo, così come il Pd che parla di «lista inclusiva» e di un dialogo costante proprio con il movimento civico con il quale nel 2014 aveva presentato la lista. Infine c’è la Lega Nord di Camillo Bertocchi che, pare sempre con Forza Italia, sarà presente sulla scheda elettorale.

Quattro realtà, probabilmente tre liste. Alzano archivia la bufera della crisi amministrativa e si prepara alle imminenti elezioni amministrative. Quattro, per ora, i soggetti all’opera sul programma attorno al quale si costruiranno le squadre che, salvo sorprese e l’incognita del Movimento Cinque Stelle, dovrebbero essere tre.

Certa la presenza della Lega Nord intenzionata a riappropriarsi del governo della città dopo i vent’anni al potere interrotti dalla breve parentesi di centrosinistra, in campo sono anche Pd e l’associazione civica «Gente in Comune» che per le elezioni del 2014 avevano sostenuto la candidatura del medico di base Annalisa Nowak e non è escluso possano ripresentarsi uniti anche alla prossima tornata elettorale. C’è anche l’ex sindaco dimessasi il 15 gennaio scorso – e tre giorni dopo a farlo era l’intero suo gruppo consiliare –, come aveva annunciato un mese prima del passo indietro, quando si era concessa una quarantina di giorni per poter ricomporre la spaccatura con i consiglieri o, in caso contrario, aveva reso pubblica la data del 15 gennaio come d-day, dicendosi però pronta a ricandidarsi alle prossime elezioni. Intanto l’ex sindaco ha fondato un’associazione, «Alzano viva».


Leggi di più su L’Eco di Bergamo del 2 marzo

© RIPRODUZIONE RISERVATA