Arriva la Pasqua, famiglie in festa A Colarete si prepara... l’albero
I nipoti di Dionella Chiodi davanti all’Albero di Pasqua, una insolita usanza della contrada Colarete

Arriva la Pasqua, famiglie in festa
A Colarete si prepara... l’albero

L’insolita iniziativa è stata lanciata da una residente della contrada di Valgoglio per avvicinare i nipoti alla comprensione del messaggio pasquale.

Sembra strano ma nel territorio comunale di Valgoglio non si prepara , come da tradizione nordica, il solo albero di Natale. Oggi in alcune case della minuscola contrada di Colarete di Valgoglio, all’approssimarsi del periodo pasquale , si prepara anche «l’Albero di Pasqua».

Il motivo? Ce lo spiega Dionella Chioda, che abita a Colarete, e che almeno da tre anni si impegna nell’ inconsueto allestimento. «Scopo che mi propongo quello di far meglio comprendere, ai miei tre nipotini - Andrea, Silvia e Sofia, rispettivamente di 10, 8 e 7 anni - il mistero della morte e della risurrezione del Cristo. All’approssimarsi della Pasqua, insieme a loro preparo tutto il materiale necessario. Quindi su un alberello appendiamo bigliettini con scritte augurali, disegni che si rifanno al racconto della morte e risurrezione di Gesù, uova di cioccolato e altre uova di gallina diversamente colorate. Attraverso tutto questo, come ho potuto notare , i miei nipoti si immedesimano nelle vicende evangeliche di questo periodo. E soprattutto le uova , simbolo della nascita di una nuova vita, li aiutano meglio a comprendere che proprio attraverso il sacrificio di Gesù possiamo rinascere a nuova vita».

L’esempio istruttivo di Dionella Chioda ha fatto scuola - almeno a Valgoglio - infatti anche altre famiglie della contrada hanno cominciato ad allestire nelle loro case l’albero di Pasqua.


© RIPRODUZIONE RISERVATA