Cerete piange Danilo Fiorina  «Era la voce dell’atletica»
Danilo Fiorina (a sinistra) con Mario Poletti

Cerete piange Danilo Fiorina

«Era la voce dell’atletica»

È morto nella notte tra sabato e domenica nella sua casa di via Roma a Cerete Alto, circondato dall’affetto della moglie e dei due figli, Danilo Fiorina, 49 anni, originario di Gandellino, una delle «voci» dell’atletica bergamasca.

Il tumore che lo aveva colpito da poco più di un anno non gli ha lasciato scampo. Fiorina era noto nel mondo della corsa in montagna e grande amico di Mario Poletti, emblema dello skyrunning moderno e autore del record delle Orobie nel 2005. Nel team di Poletti da quello storico primato, Fiorina ha partecipato in questi anni a numerorissime gare di corsa nella nostra provincia: faceva lo speaker ed era membro del direttivo della manifestazione «Corri nei borghi».

Era una delle anime organizzative dell’Ustc Cerete e sempre in prima linea per preparare la corsa «Quater pass sö e zó per ol paìs», una delle classiche nel panorama delle corse su strada di casa nostra.

Tante le manifestazioni di cordoglio giunte dal mondo dell’atletica. Fiorina è stato anche fondatore e collaboratore della Fly Up Sport di Clusone. La sua passione per lo sport l’ha trasmessa anche ai due figli: Kristian corre per la Scuola ciclismo Cene mentre Nicole è iscritta alla Pool Società Atletica Alta Val Seriana, di cui il papà è stato allenatore.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 18 ottobre

© RIPRODUZIONE RISERVATA