Chiusura del punto nascite di Piario I sindaci pronti a dare battaglia

Chiusura del punto nascite di Piario
I sindaci pronti a dare battaglia

Il punto nascita dell’ospedale Locatelli di Piario è destinato alla chiusura. I sindaci però sono pronti a dare battaglia per opporsi in tutti i modi.

«Facciamo fronte unico: andiamo in Regione, e, se non basta, andiamo direttamente a bussare a Roma». L’appello è del sindaco di Piario, Pietro Visini, che chiama a raccolta i primi cittadini delle valli Seriana e di Scalve per opporsi alla chiusura. «Ci dobbiamo muovere tutti insieme – dice Visini - e dobbiamo farlo in fretta. Non è possibile che in alcune regioni d’Italia ci siano reparti che contino non più di cento nascite all’anno che non vengono toccati mentre noi, che superiamo i 400 bimbi all’anno, siamo costretti a chiudere. Ma questa è l’Italia e il buonsenso non sta certamente al governo, ne abbiamo la dimostrazione. Spero si possa lavorare con tutti i sindaci perché non venga davvero chiuso un servizio essenziale come questo: coinvolge tutto il territorio da Gazzaniga fino all’Alta Valle Seriana, ma anche la Valle di Scalve». «Grave» è l’aggettivo che, a caldo, più ricorre nei commenti degli amministratori. «È una grave perdita – dice il sindaco di Castione (e consigliere provinciale), Angelo Migliorati –. A me sembra una decisione folle e mi auguro davvero che la Regione possa impugnarla in qualche modo. Si tratta di un servizio fondamentale, ma anche di una struttura in cui i Comuni hanno investito tanto. Bisogna tornare ad avere sensibilità per la montagna. Porterò certamente anche in Provincia le istanze del territorio».


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 13 dicembre 2016

© RIPRODUZIONE RISERVATA