Raid di teppisti, gomme tagliate - Video Denunciato un  30enne della zona

Raid di teppisti, gomme tagliate - Video
Denunciato un 30enne della zona

Ci sarebbe un denunciato per il raid vandalico della notte fra il 6 e 7 gennaio a Clusone dove a numerose auto sono state tagliate le gomme.

In alcuni casi l’autore, o gli autori se si scopriranno dei complici,i non si sono limitati a bucare le gomme ma hanno anche rigato le carrozzerie delle vetture che erano state lasciate parcheggiate in strada. La notizia della denuncia ha cominciato a circolare nel primo pomeriggio di giovedì 7 gennaio dopo che per cercare di risalire agli autori del gesto sono stati visionati sia i filmati delle telecamere del Comune che quelli di numerosi esercizi commerciali. Proprio così si sarebbe arrivati all’identificazione del colpevole: si tratta di un uomo della zona, poco più che trentenne, le cui generalità non sono state rese note. Sarebbe anche stato recuperato il coltello utilizzato per bucare le gomme e rigare le aut o.

La zona colpita dai vandali è quella di piazza della Rocca, via Canepa e via Delle Chiodere a Clusone. L’allarme è scattato giovedì mattina 7 gennaio, quando i proprietari si sono accorti di quello che era accaduto. Colpiti alcuni Suv, ma anche utilitarie di media cilindrata. Sarebbero per il momento esclusi collegamenti con gli atti vandalici che nella notte dell’Epifania avevano colpito la stazione, con il relativo bar ed il deposito autobus ricoperti di scritte e graffiti. In alcuni casi sono state tagliate tutt’e quattro le gomme, mentre ad altre auto è stata rigata anche la carrozzeria.

Alcune delle auto rigate o con le gomme tagliate

Alcune delle auto rigate o con le gomme tagliate
(Foto by Giuliano Fronzi)

Del caso si stanno ora occupando i carabinieri della compagnia di Clusone, che avrebbero già ricevuto almeno 15 denunce e altre segnalazioni.

Il raid di Clusone sarebbe del tutto scollegato dai danneggiamenti ad auto che si sono registrati sempre nella stessa notte in via Torino a Piario: qui le auto danneggiate sarebbero solo due o tre, ma si tratta di un caso del tutto diverso.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola l’8 gennaio

© RIPRODUZIONE RISERVATA